Differenza tra infiammazione acuta e cronica

L'infiammazione

è la reazione tissutale agli agenti nocivi e può essere acuta o cronica. L'infiammazione acuta ha una fase immediata e una fase ritardata. L'infiammazione cronica è un seguito di infiammazione acuta. L'articolo discuterà dettagliatamente l'infiammazione acuta e cronica, evidenziando la differenza tra essi.

Infiammazione acuta

L'infiammazione acuta si verifica in due fasi; la fase immediata e la fase ritardata.

La fase immediata di infiammazione acuta è quasi completamente a causa del rilascio di istamina. Serotonina svolge anche una piccola parte nel meccanismo. La fase ritardata dell'infiammazione acuta caratterizza il rilascio di altri mediatori infiammatori più potenti. L'infiammazione acuta può anche essere suddivisa in due fasi; esudato fluido e esudato cellulare . L'essudato fluido e l'essudato cellulare si sovrappongono tra loro e con fasi immediate e ritardate. Tuttavia, l'esudato fluido inizia presto.

Gli agenti nocivi danno

tessuti . Innescano il rilascio di istamina dalle cellule di mastociti, dalle cellule di rivestimento dei vasi sanguigni e dalle piastrine . C'è una contrazione reflex iniziale del letto capillare per limitare l'ingresso di agenti nocivi nel flusso sanguigno. L'istamina e la serotonina relax capillari e aumentano la permeabilità dei capillari. Ciò segna l'inizio della esudazione fluida , e l'acqua e gli elettroliti penetrano nei tessuti infiammati. Pertanto, le pressioni osmotiche i capillari interni ed esterni compensano. Tramite le lacune allargate nel rivestimento della parete del vascello sanguigno, proteine ​​ perdono. Queste proteine ​​attirano l'acqua nei tessuti. La rottura proteica dovuta ai danni tissutali aumenta ulteriormente questo movimento dell'acqua. All'estremità venosa del letto capillare, l'acqua non entra nella circolazione perché l'acqua viene tenuta in tessuto da elettroliti e proteine. Così si verifica il gonfiore. Di solito il rivestimento della parete del vascello sanguigno e le membrane delle cellule del sangue vengono caricate negativamente, mantenendole separate. Nell'infiammazione, queste spese cambiano. La perdita di fluido dal flusso sanguigno nei siti infiammati disturba il flusso sanguigno laminare. I mediatori infiammatori promuovono la formazione di roulaux. Tutte queste modifiche trascinano le cellule verso la parete del vaso. Le cellule del sangue bianco si legano ai recettori integrinici sulla parete del vascello, rotolano lungo il muro e usciranno nel tessuto infiammato.I globuli rossi esplodono attraverso il gap (diapedesis). Questo è chiamato esulato cellulare . Una volta fuori, i globuli bianchi migrano verso l'agente dannoso lungo il gradiente di concentrazione di sostanze chimiche rilasciate dall'agente. Questo è chiamato chemotaxis . Dopo aver raggiunto l'agente, le cellule bianche inghiottono e distruggono gli agenti. L'assalto delle cellule bianche è così grave che anche il tessuto sano si danneggia. Secondo il tipo di agente dannoso, il tipo di celle bianche che entrano nel sito varia. Risoluzione, infiammazione cronica e asscesa sono noti sequel di infiammazione acuta.

Infiammazione cronica

L'infiammazione cronica è una delle conseguenze dell'infiammazione acuta. L'infiammazione acuta, la demolizione, la guarigione e la reazione immunitaria si verificano tutti in una volta in infiammazione cronica. La fase di demolizione prevede la rimozione dei tessuti danneggiati dal sito infiammato. Qui sono attive cellule del sangue bianco e cellule scavengere. La demolizione fa strada a nuovi tessuti sani. I danni possono guarire dalla rigenerazione di tessuti sani o da cicatrici. La reazione immunitaria presenta continui fluidi e esulazioni cellulari in risposta agli effetti dell'agente dannoso. Esempi di

malattie infiammatorie croniche sono l'osteomielite cronica, la tubercolosi cronica e l'infiammazione intestinale cronica. Qual è la differenza tra l'infiammazione acuta e cronica?

• L'infiammazione acuta corre un breve corso, mentre l'infiammazione cronica può durare a lungo.

• L'infiammazione acuta si presenta come un processo autonomo e una parte dell'infiammazione cronica.

Potresti anche essere interessato a leggere:

1.

Differenza tra infiammazione e infezione 2.

Differenza tra dolore e infiammazione