Differenza tra capitalismo e laissez faire

Districare la complessa rete di teorie economiche può essere piuttosto complicato. Per decenni, i termini "capitalismo", "socialismo", "marxismo", "libero mercato", "laissez faire" ecc. Sono stati usati con un grado di superficialità e una mancanza di un contesto storico fondamentale, necessario per comprendere il significato più profondo e le più piccole sfumature di ogni parola. Per essere onesti, parlare della parola "capitalismo", o il termine "socialismo" è riduttivo: tali termini incarnano concetti cardine che hanno plasmato il nostro mondo, il nostro modo di essere e il nostro sistema economico e politico per anni. Economia, politica e comportamenti sociali sono raramente separati in modo preciso: tutti si influenzano a vicenda e contribuiscono reciprocamente all'emergere di strutture sociali complesse e multilivello.

Infatti, anche se raramente pensiamo all'impatto del socialismo, del capitalismo o del laissez faire sulle nostre vite quotidiane, non dobbiamo mai dimenticare ciò che abbiamo, chi siamo e il mondo e le società in cui viviamo sono il risultato degli spostamenti e degli equilibri tra tali modelli economici, che sono anche diventati teorie politiche e sociali.

Inoltre, alcuni di questi concetti sono così strettamente intrecciati e così vicini nel significato e nelle implicazioni, che può essere complicato distinguere chiaramente tra l'uno e l'altro. Ad esempio, pensiamo spesso al capitalismo come alla teoria del libero mercato e del laissez faire; tuttavia, il laissez faire è una sua teoria economica / politica.

Per identificare le sottili differenze tra i due, è necessario delineare le loro caratteristiche specifiche e rispolverare le loro connotazioni storiche.

Capitalismo [1] :

  • Tale sistema economico è principalmente organizzato intorno alla proprietà aziendale o privata di beni e mezzi di produzione
  • La concorrenza in un mercato libero determina prezzi e produzione
  • Quasi tutta la ricchezza è di proprietà privata
  • C'è poco (se nessuno) coinvolgimento dello Stato negli scambi, nelle produzioni e nelle transazioni
  • La produzione, la distribuzione e la gestione della ricchezza sono controllate da società (per lo più grandi società) o privati ​​
  • Il sistema sociale ed economico si basa sul riconoscimento e il primato dei diritti individuali e della proprietà privata
  • La forma più pura del capitalismo è il libero mercato
  • L'enfasi è posta sui risultati individuali piuttosto che sulla qualità della produzione
  • Politicamente, è considerato il sistema di laissez faire

Il capitalismo originò originariamente alla fine del 18 th secolo; durante il 19 th secolo, quindi, divenne il pensiero economico e sociale dominante del mondo occidentale.Il capitalismo ha pervaso ogni aspetto della nostra vita, ha dato vita al noto fenomeno della globalizzazione e ha drasticamente ridisegnato la struttura delle nostre società.

Con la promessa di democratizzazione, liberalismo economico, aumento della ricchezza e del benessere e forte enfasi sull'individuo, il capitalismo si è diffuso in modo contagioso in tutto il mondo occidentale e ha presto influenzato anche la parte orientale.

In alcuni casi, il piccolo coinvolgimento del governo ha permesso al capitalismo di prendere in mano i valori politici, e l'economia e la politica si sono mescolate in un'unità unica, complessa e pericolosa (non lontano dalla realtà del laissez faire).

Laissez faire [2] :

  • L'individuo (il "sé") è l'unità di base della società e ha il primato sulla comunità
  • Il "sé" ha un diritto inalienabile alla libertà
  • Il coinvolgimento del governo è completamente assente:
  1. Nessun regolamento
  2. Nessun salario minimo
  3. Nessuna tassazione
  4. Nessuna supervisione di qualsiasi tipo
  • Le tasse e il coinvolgimento dello Stato ostacolano la produttività e penalizzano le società
  • Il governo dovrebbe intervenire solo nel mercato economico (e nella sfera delle libertà e dei diritti degli individui) per preservare la proprietà, la vita e la libertà individuale

Laissez faire è stata discussa e delineata per la prima volta durante un incontro tra il ministro delle finanze francese Colbert e l'uomo d'affari Le Gendre alla fine del 17 secolo . La storia racconta che Colbert chiese a Le Gendre come il governo potesse aiutare il commercio e favorire l'economia. L'uomo d'affari, senza esitazioni, ha risposto "Laissez faire" ("Facciamo quello che vogliamo").

L'efficacia del laissez faire è stata testata durante le rivoluzioni industriali americane: nonostante il grande aumento della ricchezza, l'approccio ha mostrato i suoi gravi contraccolpi e ha provocato un livello senza precedenti di disuguaglianza sociale ed economica.

Il grado di libertà è la chiave

Le caratteristiche del capitalismo e del laissez faire sono molto simili.

  1. Entrambi si battono per il mercato libero
  2. Entrambi enfatizzano l'individuo piuttosto che la comunità
  3. Entrambi richiedono proprietà privata e responsabilità aziendale
  4. Entrambi richiedono poco (se nessuno) intervento statale > Nonostante le somiglianze, c'è un dettaglio fondamentale diverso: il grado di coinvolgimento dello Stato, oppure il grado di libertà.

Capitalismo: il governo non stabilisce né controlla prezzi, domanda o offerta

  • Laissez faire: nessun sussidio governativo, nessun monopolio forzato, nessuna tassazione, nessun salario minimo, nessuna regolamentazione
  • Possiamo vedere, ora come l'economia del laissez faire richieda un impegno ancora meno governativo di quello proposto dal paradigma capitalista. Secondo questa teoria, una mano invisibile regola i prezzi, i salari e le regole seguendo le casse del mercato. L'intervento statale avrebbe solo ostacolato la capacità delle corporazioni e dei privati ​​di creare ricchezza, produrre forniture e rispondere alle richieste pubbliche. L'unico compito che i governi dovrebbero avere sarebbe la protezione della vita, della proprietà e delle libertà individuali - il che significa che qualsiasi tipo di coinvolgimento economico dovrebbe essere fuori dal tavolo.

Qual è il modello attuale?

Aprire un dibattito sull'attuale modello economico significherebbe aprire un vaso di Pandora. Possiamo sicuramente affermare che il capitalismo è stato il paradigma dominante nelle economie occidentali (ma siamo onesti, anche orientali). Tuttavia, il capitalismo può esistere in diversi gradi.

In generale, la maggior parte dei paesi ha normative economiche nazionali e internazionali, che dovrebbero limitare, monitorare e controllare le attività degli imprenditori privati ​​e delle società nazionali e multinazionali. In molti casi, i governi:

Stabiliscono standard minimi salariali

  • Regolare le tasse per privati ​​e aziende
  • Tenere le società responsabili per le violazioni nelle leggi nazionali e internazionali
  • Fornire un quadro istituzionale entro il quale le aziende possono operare
  • Intervenire per proteggere i diritti delle persone dagli abusi delle imprese
  • Nella maggior parte dei paesi, quindi, i governi intervengono per proteggere individui / lavoratori dal peso schiacciante delle richieste e delle esigenze economiche.

Tuttavia ...

Quando si tratta di regolamenti internazionali, la mano del governo è meno visibile e potente. L'outsourcing è una delle strategie preferite dalle multinazionali, che eludono le normative nazionali aprendo filiali all'estero o affidando a società straniere una parte del lavoro.

L'outsourcing è anche una delle principali caratteristiche della globalizzazione ed è uno dei fattori principali che portano alla disuguaglianza sociale ed economica.

Costringere le corporazioni internazionali a conformarsi a legislazioni, norme o regolamenti nazionali o internazionali è piuttosto complesso:

Non esiste uno strumento internazionale giuridicamente vincolante che costringa le società a conformarsi

  • Le legislazioni nazionali possono essere aggirato dall'esternalizzazione
  • I governi nazionali della casa madre non hanno giurisdizione nel paese di destinazione
  • Le società sono spesso così grandi, ricche e potenti che i governi nazionali (in particolare quelli dei paesi di destinazione) accettano qualsiasi condizione in ordine di portare posti di lavoro e promuovere l'economia nazionale
  • Il diritto internazionale non è vincolante come le legislazioni nazionali: a livello internazionale, gli stati decidono se conformarsi o meno, e se rinunciare a parte della loro sovranità per rispettare gli standard internazionali
  • La protezione dei diritti dei lavoratori è molto più complessa a livello internazionale:
* per un lavoratore (o un'azienda) è particolarmente complicato cercare il risarcimento contro le azioni delle multinazionali a causa della mancanza di chiari standard legali e perché la potente influenza che le aziende hanno sul sistema giudiziario < La regolamentazione del commercio internazionale è particolarmente complessa e, nonostante l'esistenza di regolamenti internazionali e tentativi di interferenze governative, il laissez faire è stato il principio dominante seguito in tali casi.

Anche a livello nazionale, a volte, può essere difficile separare nettamente l'economia dalla politica.In effetti, i casi in cui i governi si schierano dalla parte delle imprese piuttosto che adempiere al loro mandato di proteggere i diritti dei cittadini.

In somma

Le due teorie sono molto simili e, piuttosto che rappresentare due paradigmi in conflitto, sono due elementi parte dello stesso continuum. Condividono la maggior parte dei principi fondamentali e propongono un approccio molto simile alla produzione e alla gestione patrimoniale.

La principale differenza tra capitalismo e laissez faire risiede in:

Il grado di coinvolgimento governativo

Il grado di libertà di individui e società

  • Laissez faire è uno dei principi guida del pensiero capitalista, ma può anche essere applicato e implementato come teoria indipendente.
  • A livello nazionale, nella maggior parte dei paesi l'apparato governativo protegge gli interessi e i diritti dei lavoratori contro la superpotenza delle grandi corporazioni (non in tutti i casi, e molto più raramente nei paesi in via di sviluppo o sottosviluppati)

A livello internazionale livello, è molto più complesso per i governi nazionali intervenire e interferire con le azioni delle multinazionali (non esistono accordi legalmente vincolanti riconosciuti a livello internazionale che costringano le imprese a rispettare lo stesso insieme di regole)