Differenza tra telling e tattling

Dire e scherzare

La differenza tra il raccontare e il chiacchierare è molto confusa. Non solo i bambini si confondono con le cose di cui dovrebbero parlare, ma anche con gli adulti.
Prima di tutto, dire è un atto positivo e dovrebbe essere incoraggiato. "Dire" può essere definito come un atto per proteggere se stessi o gli altri. È fatto con l'intenzione di proteggere qualcuno fisicamente o psicologicamente; mentre "chiacchierare" può essere definito come parlare che è inattivo. Non è fatto con l'intenzione di proteggere, ma si concentra sul rivelare i segreti degli altri o sul pettegolezzo.
Perché le persone raccontano o parlano?

Sono stati identificati alcuni motivi per cui le persone raccontano o fanno i pettegolezzi. Si è visto che i bambini raccontano perché sentono di essere feriti fisicamente o psicologicamente e hanno bisogno dell'aiuto degli anziani perché non riescono a gestirli da soli. In secondo luogo, dicono perché hanno cercato di risolvere il problema ma non hanno potuto farlo da soli. Terzo, qualcuno o la persona stessa potrebbero farsi male se nessuno intervenisse. Tuttavia, i bambini sono stati osservati a chiacchierare quando volevano attenzione; erano arrabbiati con qualcuno e volevano che altre persone si mettessero nei guai; volevano che l'attenzione delle persone si allontanasse da loro e, infine, volevano controllare se le regole fossero cambiate.
Perché il dire dovrebbe essere incoraggiato e il pettegolezzo scoraggiato?

Nella nostra società, genitori e insegnanti cercano di essere coinvolti negli affari dei bambini sin dall'inizio. A volte incoraggiano i bambini a dire loro tutto, ma è stato visto che una volta che i bambini hanno l'abitudine di dire tutto, a volte si lamentano di cose che loro stessi possono gestire senza l'aiuto degli anziani. Questa abitudine, se incoraggiata, li trasforma in adulti che non sanno come gestire i propri problemi. A volte il raccontare è così scoraggiato che il bambino viene punito per aver detto cose che non sono importanti. I bambini poi smettono di parlare di cose a cui è necessario dire dove è richiesto l'intervento. I bambini e gli adulti sono scoraggiati dal raccontare i loro problemi agli altri e vengono chiamati nomi come "chiacchiere" o "spia". "Questo atto scoraggiante, tuttavia, può far loro molto male dato che sono così spaventati di essere ridicolizzati da colleghi e genitori che non denunciano abusi fisici, abusi sessuali e altre situazioni pericolose per la vita.
Quindi gli adulti dovrebbero imparare le differenze tra raccontare e chiacchierare e insegnare ai loro figli a distinguere anche tra loro.
Riepilogo:

1. Raccontare è un atto positivo con l'intenzione di proteggere se stessi o qualcun altro da danni fisici o psicologici.2. Il tintinnio è un atto negativo per ottenere più attenzione, per allontanare l'attenzione da se stessi, a volte è un atto inattivo per portare guai a qualcuno perché sei arrabbiato con loro.
3. Dire dovrebbe essere sempre incoraggiato in quanto può insegnare a una persona a denunciare il fatto sbagliato di una persona che non può essere gestita da qualcuno da solo. Il tintinnio dovrebbe essere scoraggiato in quanto fa sì che una persona non si prenda cura dei propri problemi e dipenda sempre dagli altri.