Differenza tra tumori e polipi

La parola "tumore" deriva dalla parola latina per "gonfiore", che indica il gonfiore di qualsiasi parte del corpo. Il gonfiore indica uno dei segni cardinali dell'infiammazione. Quindi, il tumore si riferisce a una lesione cistica solida o piena di liquido, che potrebbe o non potrebbe essersi formata a causa di un'anomala crescita di cellule neoplastiche. I tumori sono anche indicati come quelle neoplasie che spesso formano una massa anormale di tessuto. Il termine "tumore" è spesso associato alle parole "massa" e "noduli". "Il termine" tumore "è spesso usato genericamente senza riferimento alla dimensione del gonfiore o della massa. Tuttavia, il termine "massa" indica una lesione cistica che ha un diametro massimo di almeno 20 mm. D'altro canto, il "nodulo" indica una lesione cistica di dimensioni superiori a 20 mm. [1]

I tumori possono essere classificati in tre tipi:

  1. Tumori benigni - sono circoscritti e localizzati e non formano il cancro;
  2. Tumori precancerosi: questi tumori sono localizzati e normalmente non invadono i tessuti vicini, ma possono diventare maligni in seguito all'esposizione a segnali adeguati;
  3. Tumore maligno - questi tumori invadono i tessuti estranei e li distruggono con un processo chiamato metastasi e sono cancerogeni.

La formazione del tumore si basa sulla teoria dei meccanismi continui. È stato accertato che la crescita di un tumore avviene sempre sui bordi esterni e nella maggior parte dei casi l'irrigidimento dei tessuti vicini impedisce la crescita del tumore. I fibromi uterini e le talpe della pelle sono esempi di tumori benigni. Anche gli allargamenti discreti localizzati delle strutture normali a causa di restringimento o ostruzione possono manifestarsi come tumori. Gli ematomi incapsulati, il tessuto necrotico discreto a causa di una puntura d'insetto e la crescita eccessiva dei tessuti cutanei associati al gonfiore sono contrassegnati come "tumori". Reazioni localizzate come gonfiore o infiammazione causate da reazioni antigene-anticorpi sono alla base di tumori benigni. Altra parte, il danno al DNA direttamente o indirettamente dalle Specie dell'Ossigeno Reattivo generato nel corpo porta alla mutazione delle basi nel DNA e può causare tumori premaligni o maligni. [1]

> I polipi rappresentano una crescita anormale dei tessuti che si proiettano dalle membrane mucose, possono variare nelle dimensioni e nell'aspetto e apparire come una verruca quando sono di piccole dimensioni e, una volta cresciuti, appaiono come una ciliegia su uno stelo o un fico. che possono portare all'anemia: quando assomigliano ad una ciliegia su un gambo o un fico, sono chiamati "polipi peduncolati", mentre se mancano del gambo e appaiono solo dalle membrane mucose, vengono chiamati "polipi sessili". Polipi sono comunemente fou nd nel colon, mucosa nasale, stomaco e vescica urinaria.Pertanto, i polipi possono essere generalmente classificati come polipi digestivi, colorettali, cervicali, nasali e urinari. [2, 3]

I polipi digestivi possono essere ulteriormente suddivisi in:

polipi iperplastici: appaiono come cripte seghettate, non ramificate senza rischio di malignità;

  1. Adenomi seghettati dentati: appaiono come cripte seghettate e ramificate con rischio di malignità;
  2. Adenomi infiammatori: appaiono come un'infiammazione della mucosa o della sottomucosa e, se persiste la displasia, aumenta il rischio di neoplasia;
  3. Adenomi tubulari: le ghiandole tubulari sembrano costituite da nuclei allungati e esiste il rischio di malignità;
  4. Adenomi tradizionali seghettati: cripte seghettate con aspetto simile a villi e che comportano il rischio di malignità;
  5. Polipi di fibroma: cellule fusiformi con disposizione concentrica delle cellule del fuso intorno ai vasi sanguigni che causano l'infiammazione e il rilascio di eosinofili senza alcun rischio di malignità.
  6. Polipi colorettali: trovati nel colon e nel retto e con una dimensione inferiore a 2,5 cm; non portare al rischio di malignità. Possono essere classificati come maligni, iperplastici e infiammatori. I polipi maligni sono adenomatosi e crescono nel rivestimento dello stomaco senza alcun rischio di malignità.

Polipi nasali: masse polipoidi che si sviluppano nella mucosa nasale e nei seni paranasali.

Polipo cervicale: cresce come un polipo benigno nel muro della cervice e può portare a sanguinamento mestruale irregolare.

Polipo endometriale: cresce come un polipo o lesione sessile nella parete uterina; e se peduncolato, sporge nella cervice con la sua origine come utero. [2, 3]

Confronto di tumori e polipi rappresentati sotto

[2, 3] Attributo

Polipi

Tumori

Aspetto fisico

Può essere sessile o peduncolato > Non appare peduncolato Funzionalità emorragiche Associata a sanguinamento e anemia
Non è associata a sanguinamento e anemia Dimensioni e forma Ampia variazione di dimensioni e aspetto
Dimensioni e aspetto non non variano molto Rischio di malignità Rischio di malignità basso, presente solo nei polipi adenomatosi
Alto rischio di malignità Origine Origine di mucosa o sottomucosa
Non localizzata a mucosa o sottomucosa < Classificazione Estremamente classificata Classificazione stretta - principalmente benigna o maligna
Coinvolgimento dei vasi sanguigni Non sempre