Differenza tra trasporto attivo e passivo

Attivi Trasporto vs Trasporto passivo

Per quanto minuscole, le cellule del corpo trasportano alcune importanti processi nel profondo. Questi processi sono tutti vitali per la crescita e lo sviluppo generale di ogni organismo, che possa essere un animale o una pianta. Ma ogni processo interno deve avere alcuni meccanismi unici per renderlo efficace. A questo proposito, nutrienti, sostanze chimiche e altre sostanze fluiscono da e verso le cellule con l'uso di determinati sistemi di trasporto. Questi meccanismi di trasporto sono classificati in due, vale a dire i sistemi di trasporto attivo e passivo.

Nei termini più semplici, il trasporto attivo è definito 'attivo' a causa dell'inclusione di una componente vitale e cioè dell'uso di energia. Questa energia viene utilizzata dalla cellula, sotto forma di ATP (adenosina trifosfato) perché sia ​​in grado di spostare la maggior parte delle sostanze dentro e fuori le sue membrane cellulari. Al contrario, il trasporto passivo è considerato come tale perché è solo un semplice vecchio meccanismo 'passivo'. Non utilizza alcuna energia (ATP) dalla cella perché esegua i suddetti processi.

Un'altra caratteristica distinta che separa il sistema attivo dal sistema di trasporto passivo è la differenza nei gradienti di concentrazione. Deve essere reso noto che la concentrazione di sostanze che sono suddivise dalle membrane cellulari sono relativamente diverse. Ad esempio, l'interno della cella ha un gradiente di concentrazione che è più alto (più concentrato) rispetto all'esterno della cellula (meno concentrato) o può anche essere il contrario a seconda di vari fattori biologici. Quindi, nel trasporto attivo, cerca di ottenere un compito più difficile di opporsi al gradiente di concentrazione. Se la cellula vuole trasportare certe sostanze verso se stessa (in questa situazione, sembra essere più concentrata), allora ha bisogno di molta energia per le sue pompe proteiche o di sodio per operare e trasferire le suddette sostanze.

Nel caso del trasporto passivo, non è contro ma lungo il gradiente di concentrazione. Poiché la cellula vede che gli stessi ioni o molecole possono essere trasferiti all'altro lato immediatamente a causa di un gradiente di concentrazione "favorevole", non spende più energia. La parola "favorevole" significa semplicemente che segue le regole della normale diffusione. Quando le sostanze provenienti dall'ambiente interno più concentrato della cellula devono essere trasportate all'esterno, ad esempio l'esterno è meno concentrato, le sostanze possono facilmente defluire.

In breve, il trasporto attivo e passivo differiscono perché:
1. Il trasporto attivo utilizza l'energia sotto forma di ATP, mentre il trasporto passivo non ne utilizza nessuno.
2. Il trasporto attivo comporta il trasferimento di molecole o ioni contro un gradiente di concentrazione mentre il trasporto passivo è il trasferimento lungo un gradiente di concentrazione.