Differenza tra Cardinal e Ordinal Utility

Cardinal vs Ordinal Utility

Utilità si riferisce alla soddisfazione che un consumatore ottiene dall'acquisto e dall'uso di prodotti e servizi. Secondo l'economia ci sono due teorie capaci di misurare la soddisfazione degli individui. Queste sono la teoria della utilità cardinale e la teoria dell'utilità ordinale. Ci sono una serie di differenze tra le due metodologie che utilizzano per misurare la soddisfazione del consumo. L'articolo che segue offre una chiara spiegazione su ogni tipo di teoria e evidenzia le principali differenze tra utilità cardinale e utilità ordinale.

L'utilità cardinale afferma che la soddisfazione che il consumatore deriva consumando beni e servizi può essere misurata con numeri. L'utilità cardinale è misurata in termini di

utils (le unità su una scala di utilità o di soddisfazione). Secondo l'utilità cardinale, i beni ei servizi che sono in grado di ottenere un livello di soddisfazione superiore al cliente saranno assegnati utils più elevati e beni che comportano un livello di soddisfazione inferiore saranno assegnati utils inferiori. L'utilità cardinale è un metodo quantitativo che viene utilizzato per misurare la soddisfazione del consumo.

Utility Ordinal

L'utilità ordinaria afferma che la soddisfazione che il consumatore deriva dal consumo di beni e servizi non può essere misurata in numero. Piuttosto, l'utilità ordinale utilizza un sistema di classificazione in cui viene fornita una classifica alla soddisfazione derivata dal consumo. Secondo l'utilità ordinale, i beni ei servizi che offrono al cliente un livello di soddisfazione superiore verranno assegnati gradi superiori e l'opposto per beni e servizi che offrono un livello di soddisfazione inferiore. Le merci che offrono il massimo livello di soddisfazione nei consumi verranno fornite al livello più alto. L'utilità ordinale è un metodo qualitativo che viene utilizzato per misurare la soddisfazione del consumo.

Qual è la differenza tra il cardinale e l'utilità ordinale?

L'utilità cardinale e ordinale sono teorie che vengono utilizzate per spiegare i livelli di soddisfazione che un consumatore deriva dal consumo di beni e servizi. Ci sono una serie di differenze tra i metodi in cui ciascuna misura soddisfazione del consumo. Mentre l'utilità cardinale è una misura quantitativa, l'utilità ordinale è una misura qualitativa. Utilizzando l'utilità Cardinal, un cliente può assegnare un numero ad un prodotto che, quando consumato, è in grado di soddisfare le proprie esigenze.Utilizzando l'utilità ordinale un cliente può classificare i prodotti in base al livello di soddisfazione che è stato derivato. Inoltre, in utilità cardinale si presume che i consumatori traggano soddisfazione dal consumo di un bene alla volta. Tuttavia, nell'utilizzo ordinale si presume che un consumatore possa trarre soddisfazione dal consumo di una combinazione di beni e servizi, che sarà poi classificato secondo la preferenza.

Riepilogo:

Cardinal vs Utility Ordinal

• Utilità si riferisce alla soddisfazione che un consumatore ottiene dall'acquisto e dall'utilizzo di merci e servizi. Secondo l'economia ci sono due teorie capaci di misurare la soddisfazione degli individui. Queste sono la teoria della utilità cardinale e la teoria dell'utilità ordinale.

• L'utilità cardinale afferma che la soddisfazione che il consumatore deriva consumando beni e servizi può essere misurata con numeri.

• L'utilità ordinaria afferma che la soddisfazione che il consumatore deriva dal consumo di beni e servizi non può essere misurata in numero. Piuttosto, l'utilità ordinale utilizza un sistema di classificazione in cui viene fornita una classifica alla soddisfazione derivata dal consumo.

• Mentre l'utilità cardinale è una misura quantitativa, l'utilità ordinale è una misura qualitativa.

• Nell'utilità cardinale, si presume che i consumatori derivino la soddisfazione attraverso il consumo di un bene alla volta. Tuttavia, nell'utilizzo ordinale si presume che un consumatore possa trarre soddisfazione dal consumo di una combinazione di beni e servizi, che sarà poi classificato secondo la preferenza.