Differenza tra cristallo e minerale

Vetrina di rocce, minerali e cristalli

Cristallo contro minerali

Ti sei mai chiesto quale sia la differenza tra un cristallo e un minerale è? Forse hai pensato che non ce n'era affatto. Bene, è qui che ti sbagli: ci sono differenze molto significative tra questi due, e conoscerli ti aiuterebbe a differenziarti l'uno dall'altro. Allora iniziamo?

I minerali sono sostanze chimiche solide presenti in natura. Si formano attraverso vari processi geologici. Tutti loro hanno composizioni chimiche molto distinte, strutture atomiche altamente ordinate e proprietà fisiche specifiche. Le rocce sono considerate minerali? No non lo sono. Le rocce sono semplicemente aggregati di minerali o mineraloidi e, quindi, non hanno la composizione chimica specifica che si trova normalmente nei minerali. In termini di composizione, i minerali tendono a variare da semplici sali, elementi puri, a silicati piuttosto complessi che hanno circa un migliaio di forme conosciute. Oltre la metà delle specie minerali conosciute sono in realtà incredibilmente rare; la maggior parte è stata trovata solo attraverso una manciata di campioni con alcuni conosciuti attraverso uno o due piccoli grani della sua specie.

Commercialmente, ci sono molti usi diversi per i minerali, che li mettono tra i più preziosi, specialmente quando si tratta di uso industriale. La maggior parte dei prodotti minerali vengono estratti o coltivati. Sono sempre stati molto importanti in varie parti del mondo, anche nelle società primitive, a causa dei diversi prodotti che possono essere creati da loro. I minerali sono considerati alcune delle risorse naturali più importanti che una nazione può avere; nel corso della storia, i paesi si sono invasi reciprocamente per prendere risorse minerarie l'una dall'altra.

Il cristallo, d'altra parte, è un materiale solido composto da ioni, atomi e molecole, che sono quindi disposti in uno schema ripetitivo che si estende su tutte e tre le dimensioni spaziali. Questo processo è ciò che viene definito come cristallizzazione o solidificazione. Fondamentalmente, i cristalli iniziano come particelle liquide che alla fine si solidificano. Un buon esempio di questo è il salgemma. La struttura del cristallo stesso dipende dalla chimica del fluido da cui è formato. Un altro fattore che deve essere considerato è la pressione ambientale. Mentre il processo di raffreddamento garantisce il processo di solidificazione, ci sono casi in cui date le giuste condizioni, il fluido non può cristallizzare, quindi mantenendolo in uno stato congelato non cristallino. Questo crea un materiale noto come vitreo, amorfo o vetroso.

Nel corso dei secoli, specialmente in molte delle antiche civiltà, si pensava spesso che i cristalli possedessero proprietà spirituali.In realtà, diversi tipi di cristalli significano energie diverse che possono essere sfruttate attraverso il suo uso e attraverso la meditazione. Ci sono stati studi su questo fenomeno, ed è stato dimostrato che i cristalli hanno un qualche tipo di effetto sul corpo umano. Alcuni hanno un effetto rilassante, mentre altri promuovono un migliore flusso sanguigno.

Cristalli e minerali differiscono non solo nei modi in cui vengono utilizzati, ma anche in termini di struttura. Per dirla semplicemente, un cristallo ha una struttura composta da vari materiali naturali, mentre un minerale è un materiale in sé e per sé. Due o più minerali possono effettivamente avere la stessa composizione chimica e tuttavia differire completamente quando si tratta di struttura cristallina; questi sono noti come polimorfi. La struttura cristallina può influenzare notevolmente le proprietà fisiche di un minerale. Un buon esempio di questo sarebbe diamanti e grafite. Come già sapete, i diamanti sono noti per essere i più duri di tutti i minerali, eppure, mentre ha la stessa composizione della grafite, quest'ultima è molto malleabile in natura.

Riepilogo:

1. I minerali sono materiali naturali, mentre i cristalli sono composti da una varietà di materiali naturali diversi.
2. Le rocce non dovrebbero essere scambiate per minerali.
3. I cristalli possono arrivare allo stato solido o congelato non cristallino.
4. Due minerali diversi possono condividere la stessa composizione e tuttavia variare notevolmente quando si tratta di struttura cristallina.