Differenza tra attività correnti e non corrente

Attività correnti vs attività non correnti

Attività detenute da una società sono costituiti da due categorie, che sono attività correnti e attività non correnti. Le attività correnti sono quelle attività che l'azienda detiene con l'intenzione di convertire in contanti a breve termine. Le attività non correnti, invece, sono detenute per periodi più lunghi (generalmente più di un anno). Entrambe le attività correnti e non correnti sono essenziali per il corretto funzionamento di qualsiasi attività. L'articolo che segue offre una chiara spiegazione su ciascun tipo di asset e mostra le somiglianze e le differenze tra le attività correnti e quelle non correnti.

Attività correnti

Le attività correnti appaiono sullo stato patrimoniale di un'impresa e sono il totale di tutte le attività che possono essere facilmente convertite in denaro. Esempi di attività correnti includono azioni, crediti, saldo bancario e liquidità, ecc. Poiché tutte queste attività possono essere facilmente convertite in contanti, sono classificate come attività correnti in bilancio. Le attività correnti includono anche alcuni elementi che sono equivalenti di cassa. Ciò significa che tali attività possono essere convertite in contanti molto rapidamente, come i saldi bancari, i contanti, i fondi sui conti del mercato monetario, ecc. Inoltre, gli investimenti che hanno un termine più breve, come quelli che maturano tra i 3 mesi e anno può essere considerato anche come attività correnti. È molto importante per un'azienda mantenere attività correnti che possono essere convertite rapidamente in denaro in quanto diventano molto utili in tempi di necessità finanziaria.

Attività non correnti

Attività non correnti sono attività che non devono essere vendute entro un anno. Le attività non correnti sono inoltre indicate nel bilancio della società. Le attività non correnti non sono liquide come attività correnti e non sono detenute con l'intenzione di vendere a breve termine. Una tale categoria di attività non correnti è investimenti a lungo termine che includono azioni e debiti, che devono essere detenute dall'azienda per un lungo periodo di tempo. Le attività non correnti includono anche gli interessi di proprietà che la società detiene in altre imprese. Le attività immobilizzate, come terreni, fabbricati, impianti e macchinari, sono anche considerati non correnti e sono detenuti e utilizzati per lunghi periodi di tempo. L'ammortamento sarà calcolato sul valore di tali immobilizzazioni. Un'altra importante categoria di attività non correnti è intangibili come l'avviamento di una società, il nome di marca, la proprietà intellettuale, i brevetti, ecc.

Qual è la differenza tra attivi e non correnti?

Le attività correnti e le attività non correnti sono componenti importanti del bilancio aziendale che indica il valore del totale delle attività detenute in un'impresa.Le attività correnti sono quelle che possono essere convertite rapidamente e facilmente in contanti. Le attività non correnti, invece, sono detenute per periodi di tempo più lunghi e di solito includono elementi che non sono detenuti con l'intenzione di vendere entro un periodo di 12 mesi. Anche le attività non correnti non possono essere convertite rapidamente in contanti e non sono liquide come le attività correnti.

Riepilogo:

Correnti o attività non correnti

• Le attività detenute da un'azienda sono composte da due categorie, che sono attività correnti e attività non correnti.

• Le attività correnti sono il totale di tutte le attività che possono essere facilmente convertite in denaro.

• Gli investimenti che sono di breve durata, come quelli che maturano tra i 3 mesi ed un anno, possono anche essere considerati attività correnti.

• Le attività non correnti non sono liquide come attività correnti e non sono detenute con l'intenzione di vendere a breve termine.

• L'avviamento, la marca, la proprietà intellettuale, i brevetti, ecc. Di un'azienda possono essere considerati come attività non correnti.