Differenza tra calorimetria diretta e calorimetria indiretta

Calorimetria diretta contro calorimetria indiretta

Quando calcolerai il calore coinvolto in alcuni cambiamenti fisici e reazioni chimiche, allora stai studiando il campo della calorimetria. Tratto dalla parola "calor", una parola latina che si traduce letteralmente come calore, la calorimetria è stata sperimentata da uno scienziato scozzese di nome Joseph Black, che per primo ha notato la differenza tra temperatura e calore. Utilizzando un calorimetro, ha anche classificato due diverse forme di calorimetria, vale a dire calorimetria diretta e indiretta. Quindi, come differiscono questi due concetti?
Il soggetto può sembrare troppo tecnico, ma il principio di base è piuttosto semplice. La calorimetria indiretta comporta la misurazione del calore prodotto dagli esseri viventi dalla produzione di anidride carbonica (CO2) e rifiuti azotati, che di solito provengono dall'ammoniaca nelle creature acquatiche e quindi dall'urea proveniente da organismi terrestri. La calorimetria indiretta si occupa anche del calcolo del calore derivante dal consumo di O2 (ossigeno).
La calorimetria diretta ha anche lo stesso obiettivo di misurare il calore ma usa un altro approccio "" l'organismo in studio è contenuto in un calorimetro per l'osservazione diretta e il calcolo dei valori.
Il calore viene sostanzialmente calcolato usando la formula q = msâ † T dove 'm' sta per la massa, 's' per il calore specifico, e 'â † T' per il cambio di temperatura. Il loro prodotto porta alla "q" che è il calore o l'energia. Prendi nota, questa è solo una delle tante formule utilizzate per stimare le spese energetiche.
Naturalmente, a causa del progresso nella tecnologia umana, gli esseri umani sono in grado di calcolare l'energia termica, incorporando altre variabili nella formula. Ciò si ottiene usando calorimetri moderni come il calorimetro a volume costante, nel concetto di calorimetria di Bomb.
Molti dicono che la calorimetria indiretta è lo strumento di misurazione più accurato. Fornisce un calcolo preciso del calore, perché implica l'effettivo consumo di ossigeno per fornire il tasso di ustione calorica. Utilizza il principio di richiedere 208. 06 ml di O2 per combustione di 1 calorie. Pertanto, esiste una relazione più diretta tra combustione di calorie e consumo di O2. Per ottenere tali valori, la calorimetria indiretta di solito utilizza altri dispositivi, come lo spirometro incentivante e altre apparecchiature che misurano i valori di ispirazione e scadenza. È anche molto fattibile, molto probabilmente, a causa dell'omissione della necessità di contenere l'argomento in esame.
La calorimetria diretta mira a misurare il calore effettivo che fuoriesce dal corpo. Se si pensa al concetto stesso, è alquanto impraticabile e difficile da monitorare, a meno che, naturalmente, non si contenga l'intero argomento all'interno di un calorimetro per un certo periodo di tempo.Questo è facile se il soggetto del test è piccolo ma se è di dimensioni uomo?
Tutto sommato,

  1. La calorimetria diretta misura il calore emesso dal soggetto, attraverso l'osservazione diretta all'interno di un calorimetro.
  2. La calorimetria indiretta misura il calore utilizzando la variabile di consumo di O2 e CO2 prodotta.
  3. La calorimetria indiretta fornisce una misura più fattibile ed accurata di calore o energia, rispetto alla calorimetria diretta.