Differenza tra economie di scala e diseconomie di scala

economie di scala vs diseconomie di scala

economie di scala e le diseconomie di scala sono concetti che vanno di pari passo. Entrambi si riferiscono a variazioni del costo dell'output come conseguenza delle modifiche dei livelli di produzione. I due concetti sono essenziali per lo studio dell'economia e sono molto utili alle aziende per monitorare il punto in cui gli aumenti di produzione possono portare a maggiori costi unitari. Il seguente articolo fornisce una buona spiegazione di ciò che significa ogni termine, mostra come sono collegati tra loro e mette in evidenza le loro differenze.

Che cos'è le economie di scala?

Economie di scala è un concetto che viene ampiamente utilizzato nello studio dell'economia e spiega le riduzioni di costo che un'azienda sperimenta in quanto la scala delle operazioni aumenta. Una società avrebbe raggiunto economie di scala quando il costo per unità si riduce a causa di un'espansione delle attività dell'impresa. Il costo della produzione comporta due tipi di costi; costi fissi e costi variabili. I costi fissi rimangono uguali, indipendentemente dal numero di unità prodotte, come il costo di beni o attrezzature. I costi variabili sono i costi che cambiano con il numero di unità prodotte, come il costo della materia prima e il costo del lavoro, dato che gli stipendi sono pagati all'ora o all'unità. Il costo totale di un prodotto è costituito da costi fissi e variabili. Un'impresa raggiungerà economie di scala quando il costo totale per unità diminuisce quando vengono prodotte più unità. Questo perchè anche se il costo variabile aumenta con ogni unità prodotta, il costo fisso per unità diminuirà poiché i costi fissi sono ora divisi tra un numero maggiore di prodotti totali.

Che cosa sono le diseconomie di scala?

Le diseconomie di scala si riferiscono a un punto in cui l'azienda non gode più di economie di scala, in cui il costo per unità cresce più unità prodotte. Le diseconomie di scala possono derivare da una serie di inefficienze che possono diminuire i vantaggi ottenuti dalle economie di scala. Ad esempio, un'azienda produce scarpe in un grande impianto di produzione a 2 ore dalle sue botteghe. Attualmente la società dispone di economie di scala perché attualmente produce 1000 unità alla settimana che richiedono solo 2 viaggi di carico di camion per trasportare le merci al negozio. Tuttavia, quando l'azienda comincia a produrre 1500 unità alla settimana, sono necessari 3 viaggi di camion per trasportare le scarpe, e questo costo aggiuntivo del camion è superiore alle economie di scala che l'azienda ha per produrre 1500 unità.In questo caso, l'impresa dovrà attenersi alla produzione di 1000 unità oa trovare un modo per ridurre i costi di trasporto.

Le economie di scala e le diseconomie di scala sono concetti correlati e sono gli esatti opposti l'uno dell'altro. Le economie di scala sorgono quando il costo per unità diminuisce quando vengono prodotte più unità e si presentano diseconomie di scala, quando il costo per unità aumenta a mano a mano che vengono prodotte più unità. Un'azienda cerca costantemente di ottenere economie di scala e deve trovare il livello di produzione in cui le economie di scala si rivolgono a diseconomie di scala.

Sommario:

• Le economie di scala e le diseconomie di scala sono concetti che vanno di pari passo. Entrambi si riferiscono a variazioni del costo dell'output come conseguenza delle modifiche dei livelli di produzione.

• Una società avrebbe raggiunto economie di scala quando il costo per unità si riduce a seguito di un'espansione delle attività dell'azienda.

• Le diseconomie di scala si riferiscono ad un punto in cui l'azienda non gode più di economie di scala, in cui il costo per unità cresce più unità prodotte.