Differenza tra teoria di aspettativa e teoria dell'equità

differenza chiave - teoria delle aspettative e equità

la teoria necessita di un'analisi sostanziale in quanto spiega come le relazioni dei dipendenti si evolvono in un ambiente di lavoro. La motivazione è il concetto teorico che tenta di spiegare il comportamento umano. La motivazione fornisce motivi per le azioni, i desideri e le esigenze delle persone. Questa è una vasta area di studio nella gestione delle risorse umane. Ci sono state ricerche approfondite in questo campo e molte teorie diverse di cui la teoria della speranza e la teoria dell'equità sono due esempi. La differenza di chiave tra la teoria della speranza e la teoria dell'equità è che secondo la teoria delle aspettative, le persone eseguono azioni in cambio di ricompense basate sulle loro aspettative coscienti, ma la teoria dell'equità suggerisce che le persone derivano la soddisfazione del lavoro confrontando loro sforzo e rapporto di ricompensa con gli altri .

Che cosa è la teoria delle aspettative?

Vroom ha sviluppato la teoria delle aspettative nel 1964. Come suggerisce il nome, questa teoria riflette sulle aspettative dei dipendenti sul posto di lavoro, che è dipendente dagli input e dai premi dei dipendenti. Ciò non fornisce suggerimenti esatti su come motivare i dipendenti, ma fornisce un quadro di processo in cui le variabili cognitive che riflettono le differenze individuali nella motivazione del lavoro. In termini più semplici, i dipendenti ritengono che esista una relazione tra lo sforzo messo al lavoro, i risultati ottenuti da quel sforzo e le ricompense per i risultati ottenuti. Se tutti questi sono positivi sulla scala, i dipendenti possono essere considerati altamente motivati. Se dobbiamo classificare la teoria delle aspettative, "

i dipendenti saranno motivati ​​se credono che il loro forte impegno porti a buone prestazioni che porterà ai loro risultati desiderati ".

La teoria dell'aspettativa si basa sulle ipotesi trovate secondo Vroom (1964). Queste ipotesi sono:

Assunzione n. 1:

La gente accetta posti di lavoro presso le organizzazioni con aspettative. Queste aspettative riguarderanno le loro esigenze, le loro motivazioni e le loro esperienze. Questi determineranno come si comportano e reagiscono all'organizzazione scelta. Assunzione n. 2:

Il comportamento dei dipendenti è il risultato della sua decisione consapevole. Sono liberi di scegliere i propri comportamenti in base alle loro aspettative.

Assunzione No.3:

Diverse persone vogliono o aspettano diversi premi dalle organizzazioni. Alcuni potrebbero volere un buon stipendio, alcuni potrebbero desiderare la sicurezza del lavoro, alcuni potrebbero preferire l'avanzamento della carriera, ecc. Assunzione n. 4:

I dipendenti scelteranno tra alternative di ricompensa per ottimizzare i risultati per la loro preferenza. Sulla base di queste ipotesi di comportamento sul posto di lavoro di un dipendente, tre elementi sono importanti. Queste sono aspettative, strumenti e valenza.

L'aspettativa è la convinzione che lo sforzo comporterà prestazioni accettabili. La strumentalità si riferisce alla ricompensa delle prestazioni. Valence è il valore della ricompensa per la soddisfazione del dipendente. Tutti e tre i fattori sono dati numeri da 0 a 1. Zero è il minimo e 1 è il più alto. Entrambi sono estremi estremi. Di solito, i numeri variano in mezzo. Dopo aver dato numeri individualmente a tutti e tre, sarà moltiplicato (Expectancy x Instrumentality x Valence). Maggiore è il numero, i dipendenti con maggiore probabilità sono fortemente motivati. Mentre, meno il numero, sono meno motivati ​​o insoddisfatti del lavoro. Che cosa è la teoria dell'equità?

Adams ha proposto la teoria dell'equità nel 1963.

La teoria dell'equità propone che i dipendenti che si percepiscano come sovra-ricompensati o sotto remunerati sperimenteranno l'angoscia . Questa difficoltà li persuade per ripristinare l'equità sul posto di lavoro. La teoria dell'equità ha elementi di scambio (input e output), dissonanza (mancanza di accordo) e confronto sociale nella predizione del comportamento individuale rispetto agli altri. La funzione di confronto è fortemente descritta sulla teoria dell'equità. Adams indica che tutti i dipendenti mettono gli sforzi e raccolgono ricompense dall'occupazione. Lo sforzo non è limitato solo alle ore lavorative, mentre i premi non sono solo stipendio, che è abbastanza logico. La forte caratteristica che discutiamo sulla teoria dell'equità è il confronto e il senso del giusto trattamento tra gli altri membri del personale. Questo trattamento equo determina il livello di motivazione con lo sforzo e le ricompense. Lo sforzo e il rapporto di ricompensa sono il fattore, che di solito viene confrontato dai dipendenti tra loro per determinare il trattamento equo. Questo ci aiuta a identificare il motivo per cui le persone sono fortemente colpite da situazioni di pari, amici e partner per stabilire il loro senso di equità sul posto di lavoro. Ad esempio, un membro più giovane con meno esperienza può superare un anziano con più esperienza. Il vecchio impiegato può sentirsi in difficoltà e può reagire attraverso modalità di dimissioni, coinvolgendo nella politica interna, ecc.

Possiamo identificare quattro proposizioni che evidenziano gli obiettivi della teoria dell'equità.

Gli individui valutano il loro rapporto con gli altri valutando il loro sforzo di restituire il rapporto rispetto agli altri sul posto di lavoro.

  1. Se il rapporto comparativo sembra ineguale, si può formare un senso di inequità.
  2. Maggiore è l'iniquità che il dipendente percepisce, più è insoddisfatto.
  3. Lo sforzo messo in atto dal dipendente per ripristinare l'equità. Il restauro può essere qualsiasi cosa da distorsione di sforzo o ricompensa, cambiando confronto con altri o perfino terminando la relazione.
  4. Qual è la differenza tra teoria di aspettativa e teoria dell'equità?

Definizione:

Teoria delle aspettative:

Le persone eseguono azioni in cambio di ricompense basate sulle loro aspettative coscienti. Se la ricompensa è giusta con la loro aspettativa, sono motivate. Teoria dell'equità:

La gente guadagna soddisfazione del lavoro confrontando il loro sforzo e il rapporto di ricompensa con gli altri. Se il rapporto è giusto o equo, si sentono soddisfatti. Motivazione:

In

teoria di aspettativa , si dice che la motivazione si verifichi a causa dello sforzo personale e del sistema di ricompensa. Se la ricompensa è sufficiente in base alla percezione del dipendente, è motivato. In

teoria dell'equità , la motivazione è un costrutto di terze parti dove i dipendenti confrontano lo sforzo e il rapporto di ricompensa con altri (pari, amici, vicini, ecc.). Se sente che il rapporto è giusto in linea con gli altri, solo che sono motivati. Se no, dovranno affrontare disturbi. Influenza esterna:

In

teoria della speranza , forze esterne (terze parti) non influenzano la motivazione. In

teoria dell'equità , le forze esterne svolgono un ruolo cruciale in quanto gli individui si dicono di confrontare i loro premi con gli altri nella società. Immagine gentile:

1. "Space Citizen, San Francisco, CA" di Josh Hallett di Winter Haven, FL, Stati Uniti - Space Citizen - San Francisco, CA. [CC BY-SA 2.0] via Commons