Differenza tra prestiti fissi e variabili

Crediti fissi o variabili

I prestiti vengono prelevati da individui e società per soddisfare finanziari a lungo termine oa breve termine requisiti. Ci sono un certo numero di fattori che devono essere considerati quando prendono un prestito, come i tassi di interesse, il capitale, la durata del prestito e soprattutto l'importo del prestito. Ci sono una serie di opzioni da cui un mutuatario può scegliere la sua, a seconda di come vorrebbe pagare il suo prestito. Prestiti a tasso fisso e prestiti a tasso variabile sono una tale opzione. L'articolo spiega chiaramente cosa si intende con questi termini e spiega come sono simili e diversi.

Prestito a tasso fisso

Un prestito a tasso fisso è un prestito che ha un tasso di interesse fissato per tutta la durata del prestito. Un prestito a tasso fisso ha un tasso di interesse costante e quindi meno rischioso e più stabile per il mutuatario. Un mutuatario che prende un prestito a tasso fisso saprà sicuramente il livello di interesse che deve essere pagato periodicamente, che può aiutare nella gestione del flusso di cassa. Un mutuo a lungo termine è la forma più comune di prestito a tasso fisso, in cui la durata del prestito è di solito più lungo (generalmente fino ad almeno 30 anni), il che significa che il mutuatario dovrà pagare più interesse nel lungo periodo del prestito.

Prestito variabile

Come suggerisce il nome, un prestito a tasso variabile è l'esatto contrario di un prestito a tasso fisso. In un prestito a tasso variabile, il tasso di interesse applicato sul prestito non rimane costante durante il periodo del prestito. Al contrario, il tasso di interesse continua a fluttuare in linea con un indice di mercato. In un prestito a tasso variabile, i tassi di interesse sono soggetti a cambiamenti di mercato e possono essere molto vulnerabili alle condizioni del mercato. Ciò significa che il prestatore può stare a pagare tassi di interesse più bassi o tassi di interesse più elevati a seconda delle fluttuazioni dei tassi di interesse.

Ci sono tuttavia periodi di regolazione in cui i tassi di interesse possono cambiare. Ad esempio, se il prestito prelevato ha un periodo di adattamento di un anno, il tasso di interesse verrà cambiato ogni anno negli indici di mercato e questa percentuale verrà applicata per l'anno successivo. I tassi di interesse variabili hanno anche alcuni limiti ai bassi e agli alti livelli che possono raggiungere chiamati "caps". Se il tasso massimo (che può essere addebitato) e il tasso di base (tasso più basso di quello che può essere addebitato) sono compresi tra il 3% e l'11%, allora il tasso di interesse non può essere inferiore al 3% o superiore all'11%.

Qual è la differenza tra i prestiti fisso e variabile?

Quale opzione di tasso di interesse del prestito scelto dipende dalle esigenze e dalle preferenze di singole / organizzazioni. La maggior parte delle entità preferisce un approccio a tasso fisso, in quanto ciò migliorerà la stabilità e la certezza dell'importo che dovrebbe essere messo da parte come interesse. I tassi di interesse variabili sono anche utilizzati e possono essere rischiosi o benefici a seconda delle condizioni del mercato. Un tasso variabile di interesse, a differenza di un interesse fisso, può essere più rischioso se non in un contesto di mercato con tassi di interesse costanti in continuo calo.

Sommario:

Prestito a tasso fisso vs prestito a tasso variabile

• Un prestito a tasso fisso ha un tasso di interesse costante e quindi meno rischioso e più stabile per il mutuatario.

• In un prestito a tasso variabile, il tasso di interesse applicato sul prestito non rimane costante durante il periodo del prestito. Al contrario, il tasso di interesse continua a fluttuare in linea con un indice di mercato.

• La maggior parte delle entità preferisce un approccio a tasso fisso, in quanto ciò migliorerà la stabilità e la certezza nell'importo che dovrebbe essere messo da parte come interesse.