Differenza tra pensiero e pensiero critico

Pensiero e pensiero critico

I due pensieri: Pensiero e Pensiero critico

Ogni essere umano è capace di pensare, ma alcuni dicono che pochi sono in grado di praticare il pensiero critico. Qual è la differenza?

Il pensiero è il processo mentale, l'atto e la capacità di produrre pensieri. Le persone pensano a quasi tutto e qualsiasi cosa. Pensano spesso a persone, cose, luoghi e qualsiasi cosa senza una ragione o come risultato di un innesco di uno stimolo. Nel frattempo, il pensiero critico spesso significa "pensare al pensiero. "In un certo senso, è una forma più profonda di pensare a un particolare problema o situazione prima di decidere e agire.

In ogni situazione, pensare è un'azione che richiede che la persona formi un pensiero su quella situazione. Qualsiasi pensiero può essere formato, anche senza fatti o prove. Quando viene applicato il pensiero critico, la mente è aperta a tutte le considerazioni, assunzioni e dettagli prima di formare effettivamente un pensiero o un'opinione. Una persona che è un pensatore critico riguarda il soggetto stesso e tutti i suoi aspetti, come i metodi di raccolta dei fatti o la motivazione dietro a questi fatti. Una persona che utilizza il pensiero critico spesso aggiunge la domanda "perché" a "chi, cosa, dove e quando" in una situazione particolare.

Per illustrare, immagina una persona in una libreria. Questa persona può scegliere un libro e pensare che il libro sia buono alla prima impressione. Una persona di pensiero critico aprirà il libro, leggerà alcuni passaggi e leggerà l'autore prima di decidere effettivamente se acquistare il libro o meno. Il cliente potrebbe spesso chiedersi il titolo o perché l'autore abbia scelto di scrivere questo particolare pezzo di letteratura.

Un pensatore può accettare fatti o realtà basati solo sulla fede e senza esame e analisi del problema. Questi fatti o realtà sono spesso percepiti come "verità" e non possono essere criticati o modificati. In questa situazione, non c'è bisogno di prove o dello sforzo per produrlo e il suo esame.

Il pensiero critico è l'opposto di tutto ciò. Richiede spesso un sacco di tempo, domande e considerazioni. Comporta anche un processo più lungo prima di arrivare a una conclusione o una decisione.

Gli individui che applicano il pensiero critico sono spesso di mentalità aperta e attenti alle alternative. Cercano di essere bene informati e non saltare alle conclusioni. I pensatori critici conoscono e identificano conclusioni, ragioni e ipotesi. Usano domande di chiarimento e sondaggio al fine di formulare le loro situazioni e argomenti ragionevoli. Spesso cercano di integrare tutti gli elementi nella situazione e quindi traggono conclusioni con ragione e cautela.Hanno anche un buon giudizio sulla credibilità delle fonti e sulla qualità di una discussione, oltre a sviluppare e difendere la loro posizione. Se richiesto, queste persone possono chiaramente articolare il loro argomento con tutti i suoi punti di forza e di debolezza.

Il pensiero critico è un processo e un'attività in corso. Questa abilità viene appresa attraverso la pratica attiva e l'uso costante. L'esposizione a questioni controverse e situazioni stimolanti stimola la mente a utilizzare questa abilità, che viene poi applicata su un attento esame di un problema o di una situazione. Nel frattempo, il pensiero può essere fatto in un istante senza alcuna prova e / o giustificazione.

Il pensiero critico richiede logica e accuratezza, mentre il pensiero a volte si presenta sotto forma di fede e opinione personale. Il primo richiede prove e ulteriori azioni di esame e analisi, mentre il secondo no. Sta a te pensare e decidere.

Riepilogo:

  1. Sia il pensiero che il pensiero critico sono processi mentali.
  2. Il pensiero può essere classificato come un'azione, mentre il pensiero critico può essere considerato un'abilità.
  3. Il pensiero critico viene usato con cautela, mentre il pensiero può essere spontaneo.
  4. Un pensatore critico è in grado di identificare la controversia principale in un problema, cercare prove che sostengano o si oppongano a tale contesa, e valutare la forza del ragionamento, mentre un pensatore può basare la propria opinione esclusivamente sulla fede o sull'opinione personale.