Differenza tra utopia e distopia

Utopia vs Dystopia

"Utopia" e "distopia" sono due facce della stessa medaglia. Immaginano uno scenario fantascientifico di due punti estremi. La letteratura spiega anche i due in un modo più profondo. Ma per definizione, "utopia" è una società o un contesto comunitario in cui le persone vivono la vita ideale e più perfetta possibile. Al contrario, "distopia" evidenzia l'esatto contrario, che è un luogo di condizioni di vita e di lavoro estremamente spiacevoli per la maggior parte delle persone. La maggior parte o tutti i sistemi sociali e governativi sono cattivi.

"Utopia" è ciò che molti considererebbero un paradiso. Il termine fu coniato per la prima volta da Thomas Moore nella sua pubblicazione ufficiale intitolata "Utopia" nel 1516. Nella sua utopia, descrisse un'isola immaginaria e solitaria dove tutto sembra funzionare senza intoppi. È come guardare il cielo azzurro, la luce calda e luminosa, lavorare in edifici puliti e spaziosi, vivere con persone amichevoli, andare a lavorare felici e armoniosamente convivere con tutti.

Tuttavia, c'è una ragione per cui molti riconoscono un'utopia come pura opera di finzione. È perché l'idea stessa dell'utopia sembra essere impossibile. Un vero mondo materiale di perfezione non può esistere veramente. In effetti, "utopia" è tradotta letteralmente come un luogo immaginario buono che non esiste fisicamente. Questo tipo di mondo non è solo irrealistico, ma anche poco pratico.

Al contrario, un mondo distopico, noto anche come anti-utopia o kakotopia, è totalmente ridotto. Anche "distopia" è stata coniata come "utopia". "Tuttavia, il suo utilizzo divenne noto solo alla fine del 19 ° secolo. In un mondo distopico, i cieli sono noiosi. Il sole potrebbe non splendere e gli edifici sono per lo più in rovina. Le persone (se ce ne sono ancora) sono fastidiose e ostili. Andare al lavoro è sempre un'esperienza dolorosa, e tutti sembrano non aver ancora risolto le loro differenze. Un mondo distopico è come l'ambientazione del film popolare "I Am Legend" in cui il protagonista principale (Will Smith) sembrava essere l'unico sopravvissuto di una civiltà in rovina.

In diverse pubblicazioni, l'ambientazione distopica è anche considerata un po 'simile a una società utopica. È solo che dopo un'ulteriore immersione in quella società, alla fine scoprirai che c'è eccessivo controllo, repressione e abuso. Questa descrizione si adatta praticamente all'idea degli stati di polizia in cui viene utilizzato un grande potere per controllare i cittadini. A questo proposito, le persone che detengono il potere diventano molto più avanzate e progressive rispetto al resto, il che enfatizza anche la netta separazione tra classi o caste diverse (cioè le classi superiore, media e inferiore).

Riepilogo:

1. "Utopia" è ciò che più considererebbe un paradiso. Tutto sembra essere buono e scorrevole, con il giusto equilibrio tra sistemi sociali, governativi e religiosi.
2. "Distopia" è l'opposto di "utopia" perché tutto sembra essere squilibrato, caotico, senza legge, indisciplinato, sporco, violento e simili.
3. A causa del grave abuso di coloro che hanno un grande potere, le società distopiche tendono a diventare tecnologicamente avanzate avendo sistemi di caste chiaramente definiti.