Differenza tra utopismo e socialismo scientifico - La battaglia del socialismo con l'auto-identità

Utopismo vs Socialismo scientifico

I lavoratori di tutto il mondo, unitevi! Così va il famoso grido di battaglia trovato in The Communist Manifesto, scritto da Karl Marx e Frederich Engels. In questo trattato impenitente che favorisce una società senza classi e apolidi, Marx ed Engels hanno gettato le basi per il pensiero socialista rivoluzionario. L'unico problema era quale tipo di socialismo avrebbe dovuto radunare questi lavoratori del mondo. Proprio come qualsiasi ideologia, il socialismo è un'entità frammentata con diverse interpretazioni dei suoi principi. Due interpretazioni divergenti del socialismo sono il socialismo utopico e il socialismo scientifico.

È importante evidenziare in primo luogo i punti in comune tra queste due scuole di pensiero. Le loro introduzioni nel discorso filosofico dei loro tempi erano considerate radicali, basate sui loro sostenitori che sfidavano molte istituzioni tradizionali e strutture di potere. Entrambe le tradizioni filosofiche desiderano una società egualitaria, in cui classi o divisioni socioeconomiche non ostacolino la capacità delle persone di provvedere a se stesse e alle loro famiglie. Queste idee hanno ispirato i suoi sostenitori a fare qualcosa di più che parlare; hanno ispirato l'azione, sia che formassero enclavi comunali separati dalla società o che combattessero le rivoluzioni per usurpare il potere.

Il socialismo utopistico precede la sua controparte scientifica. Di fatto, precede il testo seminale di Marx ed Engels. Tra i principali filosofi c'erano Claude Henri de Rouvroy, Charles Fourier e Robert Owen. Ispirati dalla rivoluzione francese, molti di questi pensatori hanno portato avanti e celebrato principi egualitari come il suffragio femminile, la fine del feudalesimo, i sindacati, le reti di sicurezza sociale e la vita in comune. Molti di questi pensatori del diciannovesimo secolo ispirarono la separazione comunitaria dalla società principale, dove gruppi di persone volontarie vivevano e lavoravano al di fuori dei regni della cultura tradizionale. I socialisti utopisti potrebbero essere considerati i primi hipsters del movimento socialista. In altre parole, erano socialisti prima che fosse bello essere socialisti.

Per i socialisti utopisti, il loro omonimo non fu creato fino a dopo il fatto. Benché profondamente ispirato dai filosofi socialisti utopisti, Karl Marx ha aggiunto "utopico" come un'etichetta peggiorativa come mezzo per creare una zona cuscinetto di distinzione tra esso e il socialismo scientifico. Una delle maggiori critiche di Marx al socialismo utopico è che la maggior parte delle sue basi filosofiche precedette la Rivoluzione Industriale - un periodo di grande espansione economica e progresso tecnologico che stratificò anche classi socioeconomiche e sviluppò ampi divari di equità economica.Poiché i pensatori utopici non erano in grado di incapsulare la loro filosofia su questa specifica era storica, non erano in grado di identificarsi con la lotta di classe, che è il fulcro di tutto il pensiero socialista moderno.

Il socialismo utopico era un miscuglio di principi egualitari che non necessariamente si radicavano nell'empirismo. Marx cercò di formalizzare e codificare il socialismo come una teoria socioeconomica intrisa di metodo scientifico. Lo sviluppo del socialismo scientifico è stato testato nel laboratorio della storia. Questa filosofia stabilì il principio fondamentale secondo cui tutte le ere storiche erano il risultato di condizioni economiche. Inoltre, quelle condizioni economiche produssero disuguaglianze nel potere politico, sociale ed economico. La stratificazione della classe economica fu accelerata dall'ascesa del capitalismo industriale durante la seconda metà del 19 ° secolo, che creò due classi disparate di persone: il proletariato e la borghesia. Il primo era la classe operaia che poteva fornire solo il lavoro come forma primaria di capitale economico. Quest'ultima era la classe dominante di coloro che possedevano la terra, gli affari e la persuasione politica. Con il peggioramento delle condizioni per il proletariato, il socialismo scientifico descrisse l'inevitabile collasso del sistema capitalista e la sua successiva sostituzione di un sistema socialista senza classi e apolidi.
Nonostante le sue pretese di obiettività, il socialismo scientifico non è interamente scientifico - almeno, non nello stesso modo in cui sono la fisica, la chimica, la microbiologia e altre scienze naturali. Molti critici sostengono che la filosofia socioeconomica inizia con la sua ipotesi di guerra di classe e lavora all'indietro nella storia per dimostrare la sua validità, che è l'esatto contrario della traiettoria del metodo scientifico. Il socialismo scientifico è, come tutte le altre ideologie, l'obiettivo che certe persone usano per vedere il mondo in modo diverso dagli altri.

Indipendentemente dalle loro differenze, sia il socialismo utopico che quello scientifico sfidarono con veemenza lo status quo di ingiustizia e impotenza delle persone povere in tutto il mondo. L'impatto storico di queste filosofie non può essere negato - dalla formazione dell'Unione Sovietica alle guerre che sono state combattute per contenere la diffusione di tali ideologie negli ultimi decenni. Sebbene in declino nella popolarità globale, il socialismo si presenta ancora come una spina sempre presente nella parte dell'establishment politico.