Differenza tra religione vedica e induismo

Introduzione

La religione vedica è la base dell'induismo e le credenze e i rituali nell'induismo hanno le loro radici nella religione vedica. Le differenze superficiali che esistono sono principalmente pecularities della generazione e dell'era.

Etimologia

"Vedico" deriva dalla parola radice samskrit "Ved" che significa conoscenza. Si riferisce collettivamente ai tre testi religiosi indù: l'Atharva Veda, il Sama Veda e lo Yajur Veda. La religione vedica si riferisce ai rituali, ai riti e ai canti menzionati nei tre libri dei Veda.

"Hinduismo" è formato dall'aggiunta del suffisso "ism" alla parola Hindu. Indù era un termine usato popolarmente dagli stranieri nel periodo medievale [7 ° AD] per il popolo del sub-continente indiano. L'induismo fu coniato da studiosi europei nel XVIII-XIX secolo per la raccolta di pratiche religiose prevalenti nel sub-continente indiano quando gli europei iniziarono a farsi strada qui.

Nomi delle divinità

I nomi dati a dei e dee nella religione vedica erano diversi da quelli dell'induismo. Nel primo caso i seguenti nomi sono prominenti: Agni, Aditi, Aruna, Ashwin, Indra, Mitra, Prithvi, Pushan, Rudra, Soma, Surya, Savitr, Sarasvati, Usha, Vayu, Varuna, Yama ecc. Nell'induismo i nomi sono Brahma , Ganesh, Katrikeya, Lakshmi, Parvati, Saraswati, Shiva, Vishnu, Yama ecc. Alcuni nomi si trovano in entrambi mentre alcune divinità vediche esistono nell'induismo con un nome diverso.

Forme delle divinità.

Le divinità della religione Vedica erano forze che rappresentavano la natura come fiumi, vento, terra, fuoco, acque ecc. O entità a cui non veniva data alcuna rappresentazione fisica sotto forma di statue o icone. Nell'induismo tutte le divinità sono rappresentate da statue e icone distintive ospitate in templi o santuari.

Riti e rituali.

La forma di rituale più comune e basilare nella religione vedica era il Yag-gi-an eseguito su un altare di fuoco. La gente si sedeva intorno al fuoco, addobbando nell'altare, recitando mantra in lode della divinità per la quale veniva eseguita la cerimonia. Un prete officiante versò ghee e gettò una manciata di miscele appositamente preparate di ingrediants nelle fiamme a intervalli regolari. Nell'induismo le danze sono ospitate in templi o santuari, adornati di vestiti e decorati con fiori e colori. I rituali sono molto elaborati che coinvolgono la circolazione della fiamma di fuoco attorno alla divinità accompagnata da canti.

Filosofia

Non c'è molta differenza nella filosofia base di base dei due. La filosofia vedica parla di "Satya" e "rta" come base dell'Universo.Satya è l'aspetto invisibile di cui rta è l'espressione visiva. Questo non è molto diverso dal concetto nell'induismo di Atma / spirito e Prakrit / mondo materiale. Quest'ultima è l'espressione visiva del primo che è l'aspetto invisibile. Lo spirito permea e sottende ogni aspetto ed entità del materiale Universo / Prakriti, dal ciottolo alle stelle. Si evolve attraverso la nascita / creazione e morte / distruzione di ogni entità materiale successiva, la sua coscienza [consapevolezza e conoscenza] evolvendosi gradualmente fino a raggiungere il corpo umano che l'Induismo afferma essere il veicolo ulitativo per l'illuminazione. Poiché nella forma umana lo spirito ha l'opportunità di unirsi con lo spirito supremo o

Param-Atma / Paramatma. Qui di nuovo ci sono stadi di successo della coscienza umana a seconda del predominante delle tre qualità / guna, cioè Sattvic, Tamasik e Rajasik. Attraverso ogni spirito successivo, lo spirito acquisisce esperienza e impara a guardarsi dentro e alla fine ottiene l'illuminazione / consapevolezza per unire infine [Yoga / Join] con il Paramatma. Cessa quindi di rinascere. La vita umana era guidata dalla conept Purusharth [Purush-Arth] i. e Gyan / knowledge -Kama / Desire-wealth-moksh / illuminazione. A questo scopo una vita indù era divisa in quattro Ashrama / stadi i. e Il Brahmacharya Ashrama -divocato in educazione i. e acquisire conoscenza e consapevolezza o Gyan; Il Grihastashram / la vita di un capofamiglia - portato al pieno soddisfacimento di desideri come l'amore e la soddisfazione sessuale, l'acquisizione di ricchezza e il raggiungimento di quelle ambizioni i. e realizzazione di kama / desideri; Il Vana e Sanyas Ashram - pratiche devote per acquisire conoscenza di Dio i. e Moksh o illuminazione. Così la vita degli indù inizia con Dio e finisce con Dio solo con il periodo intermedio dedicato alla vita materiale.

Conclusione

Sarebbe un errore accademico vedere i due come separati, come è comune tra gli studiosi occidentali. Concetti come la religione vedica e l'induismo furono coniati dall'Occidente. Le persone del sub-continente si sono chiamate entrambe nel periodo vedico e ora, come Arya e le loro credenze come Dharam. Dharam può essere paragonato al cristianesimo e all'islam o a qualsiasi altro ismo, ma Dharam non può essere battuto sotto la categoria di una religione perché non ha i criteri di una religione.