Differenza tra Guerra e Terrorismo

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, i superpoteri del mondo si unirono per trovare modi per prevenire la ripetizione del massacro e la perdita di milioni di vite in più. La creazione delle Nazioni Unite e tutti i suoi meccanismi (così come tutte le altre organizzazioni governative internazionali e organismi di monitoraggio) miravano a creare uno spazio neutrale in cui si potessero tenere colloqui pacifici e diplomatici. In effetti, dalla creazione delle Nazioni Unite, non abbiamo ancora visto (ancora) altri importanti conflitti globali che potrebbero essere paragonati alla Seconda Guerra Mondiale per gravità e scopo. Tuttavia, i conflitti, le guerre civili e la violenza rimangono diffusi. Ad esempio, il conflitto siriano durato sei anni è costato la vita a milioni di persone, ha ulteriormente destabilizzato il precario equilibrio in Medio Oriente e ha causato un'ondata senza precedenti di migrazione verso le coste europee.

A peggiorare le cose, il flusso costante di richiedenti asilo in Europa - e in generale i paesi occidentali - ha favorito l'emergere di movimenti nazionalisti e populisti che promuovono un'agenda a confini ravvicinati e che identificano (quasi ) tutti i rifugiati, i migranti e i richiedenti asilo con potenziali aggressori e terroristi. La paura degli attacchi terroristici è ulteriormente cresciuta dopo le sparatorie all'interno del Bataclan (Parigi, novembre 2015), il carico che ha investito la folla nella Promenade des Anglais (Nizza, luglio 2016), la bomba fatta detonare durante il concerto di Ariana Grande (Manchester, maggio 2017) e tutti gli altri attacchi a città e simboli occidentali.

In effetti, le preoccupazioni per gli attacchi terroristici e per la diffusione degli ideali terroristici - in particolare dopo la tragedia dell'11 settembre - hanno portato ad un aumento della sicurezza nazionale e all'emergere di movimenti razzisti e nazionalisti. Eppure, cosa temono veramente le persone? È solo una preoccupazione per sporadici attacchi terroristici o temiamo che una nuova guerra (forse la terza guerra mondiale) possa essere dietro l'angolo? Le idee di "terrorismo" e "guerra" sono così lontane o ci sono elementi in comune? Cerchiamo di scoprirlo.

Terrorismo

La parola "terrorismo" deriva dal verbo latino terreo , che letteralmente significa "spaventare". "Oggi, il termine" terrorismo "indica l'uccisione di civili innocenti (e / o membri del governo o di specifici gruppi religiosi o etnici) da parte di organizzazioni non governative. Tuttavia, in passato, atti violenti o illegali commessi da (qualsiasi) governo contro la propria popolazione erano etichettati anche come azioni terroristiche. Purtroppo, il numero di gruppi terroristici attivi in ​​varie regioni del mondo è in crescita e gli atti terroristici più comuni (e i crimini) includono:

  • attacchi Kamikaze;
  • attentati;
  • Rapimento;
  • Uccisioni arbitrarie;
  • Uccisioni di massa;
  • Sparizione forzata; e
  • Distruzione di siti storici / religiosi.

Gli attacchi terroristici mirano a richiamare l'attenzione dei media e a creare un clima di paura, sospetto e caos. Anche se è una questione seria e urgente, il terrorismo non è (ancora) ufficialmente definito e criminalizzato nel diritto internazionale. Dal 1920, sono stati fatti molti sforzi e molte convenzioni e trattati anti-terrorismo sono stati firmati e ratificati. Tuttavia, la comunità internazionale non è riuscita a concordare una definizione universalmente riconosciuta, impedendo così alle Nazioni Unite e ad altre organizzazioni internazionali di "inviare un messaggio inequivocabile che il terrorismo non è mai una tattica accettabile, anche per le cause più difendibili. "

Secondo una relazione del gruppo di alto livello delle Nazioni Unite su minacce, sfide e cambiamenti, la definizione di terrorismo dovrebbe includere i seguenti elementi:

(a) Riconoscimento, nel preambolo, che l'uso della forza da parte dello Stato contro i civili sono regolati dalle Convenzioni di Ginevra e da altri strumenti e, se di dimensioni sufficienti, costituiscono un crimine di guerra da parte delle persone interessate o un crimine contro l'umanità;

(b) La riformulazione che agisce secondo le precedenti convenzioni antiterrorismo è il terrorismo e una dichiarazione che sono un crimine secondo il diritto internazionale; e la riaffermazione secondo cui il terrorismo in tempo di conflitto armato è vietato dalle Convenzioni e dai Protocolli di Ginevra;

(c) Riferimento alle definizioni contenute nella Convenzione internazionale del 1999 per la risoluzione del finanziamento del terrorismo e della risoluzione del Consiglio di sicurezza 1566 (2004);

(d) Descrizione del terrorismo come "qualsiasi azione, oltre alle azioni già specificate dalle convenzioni esistenti su aspetti del terrorismo, la risoluzione 1566 (2004) del Consiglio di Ginevra e delle Convenzioni di sicurezza, intesa a provocare la morte o gravi problemi fisici danno a civili o non combattenti, quando lo scopo di tale atto, per sua natura o contesto, è di intimidire una popolazione, o costringere un governo o un'organizzazione internazionale a fare o astenersi dal compiere qualsiasi atto ".

Sfortunatamente, la mancanza di una definizione unitaria ha ripercussioni negative sul processo di creazione di strategie complete di antiterrorismo. In quanto tale, sebbene il terrorismo sia vietato dal diritto internazionale umanitario, le misure antiterrorismo non rispettano sempre gli standard internazionali (o regionali). Al contrario, la cosiddetta "guerra al terrore", avviata da George W. Bush nel 2003, ha spesso comportato (e comporta) un relativo grado di violenza e mancanza di rispetto per le vite umane e il diritto internazionale.

Guerra

La guerra è definita come un conflitto armato prolungato, organizzato e armato tra due parti: generalmente due stati (o fazioni nel caso delle guerre civili). Secondo il diritto internazionale umanitario - il quadro giuridico internazionale che fornisce le "regole della guerra" - ci sono due tipi di conflitto, vale a dire:

  1. conflitti armati internazionali, che si oppongono a due o più Stati; e
  2. Conflitti armati non internazionali, tra forze governative e gruppi armati non governativi, o solo tra tali gruppi.La legge del trattato IHL stabilisce anche una distinzione tra conflitti armati non internazionali ai sensi dell'articolo 3 comune delle Convenzioni di Ginevra del 1949 e conflitti armati non internazionali che rientrano nella definizione di cui all'art. 1 del Protocollo addizionale II.

Mentre (legalmente parlando) non esiste nessun altro tipo di conflitto armato, un conflitto può evolvere in un altro. La promozione dei principi del diritto umanitario internazionale è responsabilità del Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC) - poiché il fondatore del CICR (Henry Dunant) ha creato il movimento con l'unico scopo di garantire "protezione e assistenza alle vittime di armi conflitto e conflitto. "

Infatti, la prima guerra mondiale e la seconda guerra mondiale sono i più recenti casi di guerra che hanno colpito drammaticamente i paesi occidentali e che hanno scosso l'intero ordine mondiale. Eppure, nel corso degli anni, la guerra è cambiata e si è evoluta. Nel 17 th e 18 th secolo (e anche molto prima di allora) la guerra fu combattuta con armi rudimentali; nel 19 th e nel 20 th secolo, le cose cambiarono e l'armamento divenne più sofisticato e pericoloso; e oggi i governi potrebbero combattere le guerre e uccidere milioni di persone senza che un soldato metta piede sul terreno. Le armi più nuove e più letali che potrebbero essere impiegate oggi includono:

  • Missili balistici;
  • Armi nucleari; e
  • Armi chimiche.

Tali attacchi potrebbero causare la distruzione di intere città e potrebbero provocare migliaia di vittime. Al fine di prevenire l'escalation dei conflitti e l'uso di armi proibite o estremamente letali, le Nazioni Unite e le organizzazioni partner hanno creato convenzioni e trattati come la Convenzione sulle armi chimiche - entrato in vigore nel 1992 e monitorato dall'Organizzazione per il divieto di Armi chimiche. Sfortunatamente, nonostante i divieti legali, l'uso di armi chimiche da parte di attori statali e non statali è stato registrato in diverse occasioni.

Sommario

Il terrorismo è uno dei principali temi discussi nelle notizie di oggi. La paura degli attacchi terroristici e le preoccupazioni per la diffusione di idee estremiste sono aumentate negli ultimi anni, in seguito a una serie di orribili attacchi a diverse città europee e americane.

Gli atti terroristici sono spesso collegati a organizzazioni islamiche non governative, radicali, con sede in Medio Oriente. Tuttavia, il terrorismo è un problema molto più grande e molti temono che un aumento degli attacchi terroristici possa portare a una guerra. Tuttavia, secondo le Nazioni Unite, il terrorismo stesso " fiorisce in ambienti di disperazione, umiliazione, povertà, oppressione politica, estremismo e abuso dei diritti umani; fiorisce anche in contesti di conflitto regionale e occupazione straniera; e trae vantaggio dalla debole capacità dello Stato di mantenere la legge e l'ordine. "

In altre parole, la guerra e il terrorismo sono strettamente collegati. Gli attacchi terroristici possono portare a una guerra e, a sua volta, una guerra può creare le condizioni per l'emergere e la diffusione di gruppi terroristici.Tuttavia, sebbene entrambi implichino violenza, morte, paura e disperazione, i due termini indicano diversi fenomeni:

  • Il termine "terrorismo" si riferisce a tutti gli attacchi perpetrati contro civili e / o agenzie governative commessi da organizzazioni non governative, considerando che la guerra è combattuta in modo organizzato tra Stati o attori non statali;
  • Il terrorismo non è chiaramente definito dal diritto internazionale; di conseguenza, le strategie antiterrorismo rimangono poco chiare e vaghe; al contrario, la guerra è definita e regolata dal diritto internazionale umanitario;
  • Sia il terrorismo che la guerra si sono evoluti nel corso degli anni; tuttavia, i gruppi terroristici non sono legalmente autorizzati a possedere e utilizzare armi (di alcun tipo) mentre i governi possono gestire legalmente programmi di armamento o di disarmo;
  • I gruppi terroristici non seguono leggi e regolamenti né osservano restrizioni e limitazioni mentre le regole della guerra sono chiaramente definite dal diritto internazionale umanitario; e
  • I gruppi terroristici spesso prendono di mira i civili e mirano a diffondere il caos e la paura, mentre le guerre sono combattute per ragioni economiche e geopolitiche; inoltre, IHL vieta il targeting di civili durante i conflitti armati.