Differenza tra onde, maree e correnti

Onde, maree e correnti sono tre tipi di fenomeni naturali che si verificano sull'acqua e mentre sono simili in natura, non sono la stessa cosa. Mentre tutti e tre sono collegati ai corpi idrici, differiscono in base alle loro cause, intensità e frequenza tra gli altri fattori [1]. Un altro malinteso comune è che mentre questi fenomeni sono noti per guidare il mare, l'oceano stesso non è responsabile per la generazione di onde, maree e correnti. Le onde, per esempio, sono influenzate dall'azione del vento sulla superficie dell'oceano, mentre le correnti sono influenzate dal calore del sole sull'equatore e dai poli più freddi. Le maree d'altra parte sono causate dalle forze gravitazionali della luna e del sole. Tutti e tre contengono una qualche forma di energia in movimento e potenziale e lievi cambiamenti possono portare a effetti a valle molto più ampi che colpiscono le comunità vicine e gli utenti ricreativi.

Onde

Le onde sono definite come il movimento di acqua che si verifica sulla superficie di corpi idrici come oceani, mari, laghi e fiumi. Mentre non ci sono due onde identiche, esse condividono tratti comuni come avere un'altezza misurabile che è definita come la distanza dalla sua cresta alla sua depressione.

Cosa influenza le onde?

Generalmente sono creati da venti che trasferiscono energia all'acqua mentre soffiano. Ciò si traduce nella produzione di piccoli movimenti dell'acqua noti come increspature [1]. Queste increspature possono successivamente crescere in dimensioni, lunghezza e velocità per formare ciò che conosciamo come onde. Queste onde sono comunemente note anche come onde superficiali oceaniche a causa della loro generazione dal vento che passa sulla superficie dell'acqua [3]. Le onde sono solitamente influenzate da una serie di fattori come la velocità del vento, la durata e la distanza. Sono anche influenzati dalla larghezza delle aree circostanti e dalla profondità del corpo idrico stesso. Quando il vento si attenua, l'altezza dell'onda diminuisce e mentre alcune onde possono essere piccole e delicate, se le condizioni sono corrette possono formarsi onde fino a 90 piedi. Onde potenti come onde di marea o tsunami possono anche essere formate a seguito di terremoti, frane o eruzioni vulcaniche.

Tipi di onde

Esistono molti tipi diversi di onde come onde capillari, increspature, mare e mare e possono manifestarsi in una gamma di forme e dimensioni, come piccole onde o grandi si gonfia che può viaggiare su lunghe distanze. Anche la dimensione e la forma dell'onda possono rivelare la sua origine. Un'onda piccola e instabile molto probabilmente è stata formata localmente da una tempesta, ad esempio mentre le onde di grandi dimensioni con alte creste suggeriscono origini lontane, probabilmente in un altro emisfero. La dimensione di un'onda è in genere determinata dalla distanza che il vento soffia sull'acqua aperta, dal tempo in cui il vento soffia e dalla velocità del vento.Maggiore è il parametro sopra specificato, maggiore è l'onda.

Maree

Le maree si formano come risultato della forza centrifuga e dell'attrazione gravitazionale tra la Terra, la Luna e il Sole e sono spesso caratterizzate da movimenti d'acqua per lunghi periodi di tempo [1]. Questo aumento e caduta dell'acqua, o piuttosto la differenza tra le creste e le depressioni, sono definite come maree.

Che influenza le maree?

La rotazione della Terra e la forza gravitazionale della luna determinano l'estrazione dell'acqua verso la luna. Ciò causa un aumento nell'acqua. Mentre la luna ruota intorno alla Terra, le aree che sperimentano questa attrazione formeranno quelle che vengono definite alte maree mentre altre aree che non sentono questa trazione sperimenteranno una bassa marea. Un effetto simile è causato dal sole, tuttavia questa attrazione non è così forte perché il sole è più lontano dalla Terra [3]. Le maree si verificano principalmente nelle regioni oceaniche profonde e sono influenzate da una serie di fattori come l'allineamento del sole e della luna, il modello dei movimenti di marea e la forma della costa.

Tipi di maree

Le maree sono classificate in base al numero di maree alte e basse formate e alle loro altezze relative e come tali possono essere classificati come semi-diurni, diurni o misti. Le alte maree sono definite come quando la cresta dell'onda raggiunge la costa mentre le basse maree si verificano quando la depressione dell'onda raggiunge la costa. Le maree semidiornali hanno 2 massimi e 2 bassi uguali ogni 24 ore e 50 minuti. Le maree diurne hanno un picco alto e uno basso mentre una marea semidiurnale mista subisce 2 massimi e 2 bassi di dimensioni diverse ogni 24 ore e 50 minuti.

Correnti

Le grandi masse d'acqua che si muovono in una direzione specifica da una posizione all'altra sono conosciute come correnti. Si verificano su corpi idrici aperti come gli oceani e di solito si misurano in nodi o metri al secondo.

Che influenza le correnti?

Le correnti oceaniche sono direttamente influenzate da tre fattori principali. Questi sono l'ascesa e la caduta della circolazione delle maree, del vento e della termoalina [4]. Si sa anche che l'ascesa e la caduta delle maree influenzano le correnti oceaniche creando correnti sia vicino alla riva, che in baie ed estuari. Queste sono note come correnti di marea e sono l'unico tipo di corrente che cambia in uno schema regolare e le cui modifiche possono essere previste [2]. I venti sono noti per guidare correnti nella o vicino alla superficie oceanica e possono influenzare i movimenti dell'acqua su scala locale o globale. La temperatura gioca anche un fattore importante quando si tratta di correnti. I corpi d'acqua vicino ai poli sono freddi, mentre l'acqua vicino all'equatore è più calda e queste differenze di temperatura giocano un ruolo importante nel causare le correnti. Le correnti di acqua fredda si verificano quando l'acqua fredda vicino ai poli affonda e si sposta verso l'equatore mentre le correnti di acqua calda si muovono verso l'esterno dall'equatore lungo la superficie verso i poli nel tentativo di sostituire l'acqua che affonda. Questa mescolanza di acqua calda e fredda provoca correnti e mentre si spostano nel globo dall'emisfero all'emisfero, aiutano anche a rifornire di ossigeno i corpi idrici [5].

Le differenze di temperatura, densità e salinità sono spesso indicate come circolazione termoalina. Le differenze nella densità dell'acqua a causa di differenze di temperatura (termo) e salinità (haline) causeranno anche cambiamenti nelle correnti. Questi cambiamenti della circolazione termoalina si verificano in diverse parti dell'oceano e possono verificarsi sia a livello oceanico profondo e superficiale e possono essere di lunga durata o temporanei [2]. Ulteriori fattori che influenzano le correnti includono il deflusso della pioggia e la topografia del fondale oceanico. La topografia oceanica è influenzata da pendenze, creste e valli sul fondo che a loro volta possono influenzare la direzione delle correnti.

Tipi di correnti

Queste correnti sono conosciute per influenzare il clima della Terra guidando le acque calde dall'equatore e le acque fredde dai poli intorno alla terra. Ad esempio, la calda corrente del Golfo è nota per portare un clima più mite in Norvegia rispetto a New York, che è più a sud [6]. Ci sono una serie di correnti diverse come 1) correnti superficiali che sono influenzate da correnti del vento che di solito si verificano a profondità di non più di 300 me 2) correnti oceaniche mondiali come il caldo flusso del Golfo spiegato sopra e le correnti di El Nino per esempio .

Conclusione

Le maree, le onde e le correnti sono completamente differenti. Si formano in condizioni diverse e sono influenzati da diversi fattori. Le onde sono in qualche modo più evidenti delle maree e delle correnti mentre le maree possono essere viste spesso sulla riva. Comprendere le differenze tra onde, maree e correnti è imperativo in quanto non solo aiuta la navigazione, ma aiuta anche le persone a prevedere e misurarle. Ottenere queste informazioni è utile in quanto consente alle persone di dirigere le navi da carico in modo sicuro, determinare l'entità di una fuoriuscita di petrolio e i migliori punti di pesca, consente il rilevamento di tsunami e aiuti nelle attività di ripristino ambientale.

Tabella 1:

Onde Maree Correnti
Formate a causa delle forze esercitate dai venti sulla superficie dell'acqua Formate a causa dell'interazione delle forze gravitazionali tra la Terra, il Sole e Luna Formata come risultato delle differenze di temperatura sulle superfici oceaniche
Le onde sono definite come l'energia che attraversa la superficie dell'acqua Le maree sono definite come l'ascesa e la caduta del livello del mare Correnti sono definiti come la direzione del flusso di un corpo idrico
L'intensità delle onde sono influenzate dai fattori del vento L'intensità delle maree è influenzata dalla posizione e dalla posizione della Terra L'intensità delle correnti è influenzata da venti, differenze di temperatura in acqua e topografia superficiale oceanica
Le onde si verificano regolarmente attraverso i corpi idrici Le maree si verificano due volte al giorno Correnti equatoriali come El Nino si verificano ogni pochi anni
Le onde si spostano da un lato all'altro lato Le maree si muovono su e giù Le correnti scorrono in senso orario nell'emisfero settentrionale a nd in senso antiorario nell'emisfero australe. Questo è noto come effetto Coriolis.