Differenze tra credenza e conoscenza

Credenza vs Conoscenza

Forse ti sei chiesto perché durante la tua lezione di filosofia si è verificato l'argomento per cercare di differenziare le cose banali. Anche se l'argomento non era discutibile, divenne un problema in filosofia. Forse è così che vanno le cose. Anche le cose semplici diventano complicate quando la si relaziona attraverso la filosofia. Quindi, in questo articolo, differiremo due termini che sono spesso usati in filosofia - "credenza" e "conoscenza". “

Senza scavare più a fondo nel significato di ogni termine, possiamo definire "credenza" come "i propri principi" mentre "conoscenza" può essere definita come un insieme di fatti. Tuttavia, se cerchi di frenare di più il tuo cervello, possiamo dedurre che la conoscenza può provenire da una serie di credenze giustificate. Quindi, come possiamo differenziare tra "credenza" e "conoscenza"? Scopriamolo.

Secondo la mia ricerca, una credenza è il requisito soggettivo per la conoscenza. Ciò significa che una credenza è un giudizio parziale e personale. Tuttavia, se abbiamo presentato prove o prove, questa convinzione può essere considerata come conoscenza. In altre parole, una credenza può essere una certa conoscenza. Nel Continuum Credenza-Conoscenza, ci sono diversi livelli di credenza. Se la "credenza" ha raggiunto un +10, sarà considerata come una certa conoscenza. Se non lo fa, rimarrà solo come una credenza.

Ci sono tre tipi di credenze - vaghe, ben supportate e al di là di un ragionevole dubbio. Possiamo dire che una credenza è vaga quando non ci sono dichiarazioni concrete e di sostegno. Ad esempio, "Mangiare noci può renderti intelligente. "Se guarderemo alla sola affermazione, questa è solo una vaga convinzione - nessuna affermazione concreta e di supporto può aiutare a dimostrare che mangiare noci può rendere una persona intelligente. In una convinzione ben supportata, non è possibile escludere una certa nozione. Ad esempio, hai creduto che il test fosse difficile da quando hai ottenuto un segno negativo. Non possiamo escludere che il test sia stato difficile da quando hai avuto dei voti sbagliati. Per quanto riguarda la convinzione al di là di un ragionevole dubbio, non possiamo dire che sia un fatto a meno che non siamo noi a sperimentarlo da soli. Ad esempio, "La signora ha visto il crollo del World Trade Center. "Era un dato di fatto, ma non siamo ancora certi.

Quindi cos'è la conoscenza? "Conoscenza" è definita come "credenza giustificata e vera. "Per" sapere ", abbiamo le nostre emozioni, la ragione, la percezione e la conoscenza. Secondo la Teoria della Conoscenza di Platone, ci sarà conoscenza finché ci sarà una verità e una credenza giustificabili. Possiamo dire che la Teoria della Conoscenza di Platone e il Continuum della Conoscenza-Conoscenza coincidono l'una con l'altra. La verità è il requisito oggettivo per la conoscenza. Tuttavia, se credi che qualcosa sia vero, non sempre fa ciò che credi sia vero.

Mentre continuiamo a crescere, acquisiamo sempre conoscenza di seconda mano. Questa conoscenza di seconda mano può essere derivata dalle nostre tradizioni culturali. Nella nostra cultura, ci sono alcune cose che dobbiamo conoscere e imparare. Altre fonti di conoscenza di seconda mano sono: scuola, Internet, opinioni di esperti e mezzi di informazione. Finché sono in giro, le nostre conoscenze continueranno ad accumularsi e ad accumularsi.

Riepilogo:

  1. Una convinzione è il requisito soggettivo per la conoscenza.

  2. La "conoscenza" è definita come "vera credenza giustificata". "

  3. In altre parole, una credenza può essere considerata conoscenza fintanto che è una verità giustificata. Questa nozione è supportata anche dal Continuum della Conoscenza-Conoscenza e dalla Teoria della Conoscenza di Platone.

  4. Esistono tre tipi di credenze: vaga credenza, credenza ben sostenuta e credenza oltre un ragionevole dubbio.

  5. La verità gioca anche un ruolo importante nella giustificazione della fede. "Verità" è definita come "il requisito oggettivo per la conoscenza. "

  6. Finché una credenza particolare è giustificata, è considerata una conoscenza.