Differenza tra Dayabhaga e Mitakshara nella legge indù

Introduzione

Il termine "Dayabhaga" deriva da un testo simile scritto da Jimutavahana. Il termine "Mitakshara" deriva dal nome di un commento scritto da Vijnaneswara, sullo Yajnavalkya Smriti. Il Dayabhaga e il Mitakshara sono le due scuole di diritto che governano la legge di successione della famiglia indù indù sotto la legge indiana. La scuola di diritto di Dayabhaga è osservata nel Bengala e nell'Assam. In tutte le altre parti dell'India si osserva la scuola di diritto di Mitakshara. La scuola di diritto di Mitakshara è suddivisa nelle scuole di Benares, Mithila, Maharashtra e Dravida.

Le differenze tra le scuole di legge di Dayabhaga e di Mitakshara possono essere classificate come segue: -

I] Famiglia congiunta: - Secondo la scuola di legge di Mitakshara famiglia congiunta si riferisce solo al membro maschile di una famiglia e si estende per includere suo figlio, nipote e pronipote. Hanno collettivamente la comproprietà / il Copenaghen nella Famiglia congiunta. Così un figlio di nascita acquisisce un interesse per la proprietà ancestrale della famiglia congiunta. Sotto la scuola di legge di Dayabhaga, il figlio non ha diritto di proprietà automatico per nascita ma lo acquisisce alla morte di suo padre.

Nella scuola di Mitakshara il potere del padre sulla proprietà è qualificato dagli eguali diritti di nascita di cui gode un figlio, un nipote e un pronipote. Un figlio adulto può chiedere la spartizione durante la vita del padre o dei suoi tre antenati immediati. Egli ha voce in capitolo nella disposizione della proprietà di famiglia e può opporsi a qualsiasi disposizione non autorizzata di proprietà ancestrali o di famiglia. Questo non è possibile sotto la scuola di Dayabhaga poiché il padre ha il potere totale e incontrollato sulla proprietà della famiglia fino alla morte.

2] Copenaghen / comproprietà: - Sotto la facoltà di giurisprudenza di Mitakshara tutti i membri della famiglia congiunta godono dei diritti del carcere durante la vita del padre. Sotto la scuola di Dayabhaga, quando il padre è vivo, i figli non hanno diritti di criminalità, ma li acquisiscono alla morte del padre. Nella scuola di Mitakshara la quota del coparcener non è definita e non può essere smaltita. Nel Dayabhaga la quota di ciascun Coparcener è definita e può essere eliminata.

3] Partizione: - Mentre sia la scuola di Mitakshara che quella di Dayabhaga sostengono che la vera prova della divisione è nell'intenzione di separare la manifestazione di questa intenzione è diversa in ciascuna delle scuole. Nel caso della Scuola di Mitakshara l'intenzione consiste nel mantenere la proprietà in azioni definite definite, mentre nella Scuola Dayabhaga deve esserci una separazione fisica della proprietà in porzioni specifiche e l'assegnazione di una quota separata a ciascun coparcener.

Nel sistema Mitakshara nessuno dei membri dei coparceners può rivendicare una quota fisica definita della proprietà congiunta. Quindi la partizione in questo sistema comporta l'accertamento e la definizione della quota del coparcener i. e. Nella divisione numerica della proprietà. Nel sistema Dayabhaga, ciascuno dei detenuti ha una parte definita nella proprietà familiare congiunta, anche se la famiglia è unita e indivisa e il possesso è comune. Quindi la partizione in questo sistema comporta la separazione fisica della proprietà congiunta nelle parti separate dei criminali e l'assegnazione a ciascuno dei copartoners della porzione specifica della proprietà.

4] Diritti della donna: - Nel sistema Mitakshara la moglie non può richiedere la partizione. Ha comunque il diritto di partecipare a qualsiasi partizione coinvolta tra suo marito e i suoi figli. Sotto il Dayabhaga questo diritto non esiste per le donne perché i figli non possono chiedere la partizione in quanto il padre è il proprietario assoluto.

In entrambi i sistemi, in ogni partizione tra i figli, la madre ha diritto a una quota uguale a quella di un figlio. Allo stesso modo, quando un figlio muore prima della partizione lasciando la madre come suo erede, la madre ha diritto a una parte del figlio defunto e condivide il suo diritto quando c'è una divisione tra i figli rimasti.

Conclusione : - Il sistema Mitakshara è conservatore. Fornisce una buona sicurezza nei momenti di difficoltà in cui un membro può fare affidamento sulla famiglia in comune. Tuttavia a volte un membro può diventare parassita. Il sistema Dayabhaga è più liberale. Tra i due il Dayabhaga ha più probabilità di durare nei tempi moderni con la crescita dell'individualismo, dell'impresa individuale e delle compulsioni economiche.