Differenza tra costo storico e fair value

Differenza chiave - Costo storico rispetto al fair value

Il costo storico e il fair value sono due metodi fondamentali per la rilevazione di attività non correnti e strumenti finanziari. Per le attività non correnti le società hanno la facoltà di utilizzare il costo storico o il fair value, mentre gli strumenti finanziari sono generalmente rilevati al fair value. La differenza tra il costo storico e il fair value è che, se il valore delle attività non correnti è valutato al prezzo speso per acquisire le attività al costo storico, le attività sono indicate a una stima del valore di mercato quando si utilizza il fair value.

CONTENUTO:
1. Panoramica e differenza chiave
2. Cosa è il costo storico
3. Che cosa è Fair Value
4. Confronto laterale - Costo storico rispetto al fair value
5. Riepilogo

Cosa è il costo storico?

Il costo storico è una misura del valore utilizzato per la contabilizzazione in cui il prezzo di un'attività in bilancio si basa sul suo costo originario quando acquisito dalla società. Il metodo del costo storico viene utilizzato per gli attivi in ​​base ai principi contabili generalmente accettati (GAAP).

E. g. ABC Company ha acquistato una proprietà di terreni e fabbricati per $ 200 e 250 nel 1995. Il suo valore di mercato oggi è di circa 450.000 dollari. Tuttavia, la società continua a mostrare questa attività a 200 e 250 dollari in bilancio, il che è il suo valore originario.

Indipendentemente dalla misura utilizzata per la misurazione successiva, tutte le attività non correnti dovrebbero essere inizialmente rilevate al costo. Per le attività non correnti, anche i seguenti costi sono inclusi nel suo valore originario in conformità allo IAS 16-Immobili, impianti e macchinari.

  • Costo di preparazione del sito
  • Costo di installazione
  • Costo di spedizione, trasporto e movimentazione
  • Commissioni professionali per architetti e ingegneri

Sotto il metodo Costo Storico, riportato al valore netto contabile (costo al netto degli ammortamenti accumulati)

Il metodo Costo Storico di registrazione delle attività è meno complicato in quanto il valore dell'attivo originale non è soggetto a variazioni, con conseguente limitata volatilità dei prezzi. Tuttavia, questo non fornisce un'immagine esatta del valore delle attività aziendali in quanto sono sottovalutate.

Che cos'è il Fair Value?

Questo è il prezzo al quale un venditore e un compratore possono stipulare un'operazione in condizioni normali di mercato. Tutte le attività soggette a fluttuazioni di mercato hanno un fair value. Tuttavia il fair value dovrebbe essere in grado di essere misurato in modo attendibile per registrare le attività secondo questo metodo.Il trattamento contabile per il fair value è disciplinato dall'IFRS 13-valutazione del fair value. "Prezzo di uscita" è il prezzo al quale l'attività può essere venduta soggetta alle condizioni di mercato. Considerando l'esempio sopra riportato, ABC Company può decidere di registrare i terreni e gli edifici a 450.000 dollari nel caso in cui l'attività è valutata al fair value.

Secondo questo metodo, la attività non correnti è valutata al fair value al netto di ammortamento. Per applicare questo metodo, il fair value dovrebbe essere in grado di essere misurato in modo attendibile. Se l'impresa non è in grado di ricavare un fair value ragionevole, l'attività dovrebbe essere valutata utilizzando il modello di costo dello IAS 16, assumendo che il valore di rivendita della proprietà sia zero come indicato nello IAS 16.

Gli strumenti finanziari negoziabili sono detenuti a fair valore. Questi sono molto liquidi in natura (possono essere convertiti facilmente in contanti attraverso la vendita della garanzia); dovrebbero essere iscritti al fair value. Alcuni esempi di tali titoli sono,

Tasse del Tesoro

Si tratta di una garanzia a breve termine emessa dal governo per soddisfare le esigenze di finanziamento a breve termine. Le bollette del Tesoro non hanno interessi, tuttavia, sono emessi con uno sconto al suo valore originario.

Carta commerciale

La carta commerciale è un debito a breve termine non garantito emesso da una società di solito con un periodo di scadenza variabile da 7 giorni a 1 anno. Questo è tipicamente emesso per finanziare i debiti a breve termine della società.

Certificato di depositi (CD)

CD è una garanzia rilasciata con un tasso fisso e un periodo di scadenza fisso che può variare da 7 giorni a 1 anno.

Quando le attività sono valutate al loro fair value, rappresenta l'attuale prezzo al quale possono essere venduti. Questo fornisce un valore più affidabile rispetto all'utilizzo del costo storico. Tuttavia, il calcolo del fair value deve essere fatto regolarmente ed è costoso e richiede molto tempo.

Figura_1: Le carte commerciali sono comunemente titoli di negoziazione

Qual è la differenza tra Costo Storico e Fair Value?

- diff articolo prima della tabella ->

Costo storico rispetto al fair value

Il costo storico è il prezzo originario speso per acquisire l'attività. Il fair value è il prezzo al quale l'attività può essere venduta sul mercato.
Contabilità
La guida è disponibile nello IAS 16. L'orientamento è disponibile in IFRS 13.
Valore patrimoniale
Il costo storico è sottovalutato e obsoleto Il fair value riflette i prezzi in linea con la corrente valore di mercato

Sommario - Costo storico vs fair value

La differenza tra costo storico e fair value dipende principalmente dai trattamenti contabili. Mentre la direzione ha la facoltà di scegliere un metodo appropriato, dovrebbero prestare attenzione a non sovrastare il valore delle attività se viene considerato il metodo del fair value che darà agli asset un valore irrealisticamente elevato. Anche se l'utilizzo del costo storico è un metodo abbastanza semplice, non riflette il valore più recente del patrimonio.

Riferimento:
1. "IAS Plus. "IAS 16 - Immobili, impianti e macchinari. N. p. , n. d. Web. 16 feb.2017.
2. "IAS Plus. "IFRS 13 - Misurazione del fair value. N. p. , n. d. Web. 16 feb. 2017.
3. "Giusto valore. "Investopedia. N. p. , 21 settembre 2016. Web. 16 feb. 2017.
4. "Costo storico. "Investopedia. N. p. , 23 luglio 2015. Web. 16 feb. 2017.

Immagine per gentile concessione:
1. "Titoli Commerciali degli Stati Uniti 2001 - 2007" Da 84user - creati utilizzando i dati del Libro Commerciale della Commissione di riserva federale degli Stati Uniti - ultima pubblicata venerdì 31 ottobre 2008 (Public Domain) via Commons Wikimedia