Differenza tra carattere tipografico e carattere

Carattere tipografico o Carattere

Al giorno d'oggi, se chiedi a qualcuno che cos'è un carattere tipografico, probabilmente otterrai uno sguardo vuoto. Ma se chiedi a qualcuno che cos'è un font, probabilmente otterrai una risposta abbastanza precisa. L'avvento del desktop publishing e i numerosi word processor hanno innalzato il livello di riconoscimento dei caratteri ben oltre quello del carattere tipografico. In verità, un font è fondamentalmente solo un piccolo sottoinsieme di un carattere tipografico. Un carattere tipografico è fondamentalmente un singolo disegno che è uniformemente implementato su tutti i caratteri stampabili come lettere, numeri, segni di punteggiatura e persino simboli che possono essere utilizzati. Le varianti di un carattere tipografico sono indicate come caratteri.

Questo concetto è più facilmente comprensibile per mezzo di un esempio. Arial, che molti di noi riconoscono come un font molto popolare, è in realtà un carattere tipografico. Varianti di Arial, come Arial Bold, Arial Narrow, Arial Italic, sono i caratteri. Vedete, avete ancora il design di base di Arial ma modificato per essere leggermente diverso dall'aspetto tipico di Arial.

Ai vecchi tempi, si suppone che un font abbia anche una dimensione fissa. Quindi Arial Bold size 12 dovrebbe essere un font diverso da Arial Bold size 14. Questo è stato molto importante quando si stampavano blocchi di metallo discreti di ogni carattere al fine di prevenire i mix-up e assicurare che la stampa utilizzi un font e un design uniformi . Ma con i computer, le dimensioni sono in gran parte arbitrarie poiché puoi ridimensionare facilmente le dimensioni di ogni personaggio nella dimensione che ti serve. La dimensione in punti dei caratteri è ora irrilevante per il carattere in uso.

Se vuoi essere molto preciso, un esempio corretto di font potrebbe essere Arial Bold 12. Anche se non molto accurato, Arial Bold è ancora abbastanza accettabile come font. Arial, d'altra parte, non è un font ma un carattere tipografico.

La distinzione tra un font e un carattere tipografico non è più molto chiara nelle menti delle persone comuni. Anche se le differenze sarebbero ancora presenti, l'uso e lo scopo previsto non sarebbero più applicabili agli utenti moderni. Alla fine, le differenze tra un font e un carattere tipografico finirebbero solo come argomento accademico.

Riepilogo:

1. Un font è solo un sottoinsieme di caratteri tipografici.
2. Un font è la designazione utilizzata per membri specifici di una famiglia di caratteri tipografici.
3. Si suppone che un carattere abbia una dimensione specifica mentre non è necessario che un carattere sia.