Differenza tra socialismo utopistico e marxismo

Il socialismo è una delle principali teorie politiche, sociali ed economiche degli ultimi decenni. Il socialismo si oppone alla prospettiva capitalista: sostiene la comune proprietà dei mezzi di produzione e un forte coinvolgimento del governo nei processi economici e nella redistribuzione della ricchezza. La dicotomia tra capitalismo e socialismo è un'opposizione tra valori diversi e contrastanti:

  • Proprietà privata vs proprietà collettiva;
  • Diritti individuali vs diritti collettivi; e
  • Coinvolgimento libero del mercato vs stato.

Oggi, la prospettiva capitalista ha assunto il paradigma socialista. In effetti, il processo inarrestabile della globalizzazione ha permesso al modello capitalista di diffondersi in tutto il mondo. Tuttavia, i sostenitori degli ideali socialisti possono ancora essere trovati in tutte le società.

Oltre ai contrasti tra socialismo e capitalismo, possiamo trovare un'opposizione tra il socialismo utopico e il socialismo marxiano. Mentre entrambe le prospettive cercano una società egualitaria, ci sono molte differenze tra l'approccio utopico e quello marxista.

Socialismo utopiano [1]

Il termine "utopia" si riferisce a " qualsiasi sistema visionario di perfezione politica o sociale . "[2] In realtà, i socialisti utopici cercarono una società perfetta e equa e promossero gli ideali di un mondo umanitario più giusto. Sebbene tutti i movimenti socialisti possano in qualche modo essere considerati utopici, l'etichetta "socialismo utopistico" si riferisce alla prima forma di socialismo, che si diffuse all'inizio del secolo 1999.

Il socialismo utopico trova le sue radici nelle opere dei filosofi greci Platone e Aristotele che descrivevano modelli idilliaci di società perfette. I loro ideali furono poi rielaborati da filosofi e pensatori nella rivoluzione postindustriale in seguito alla crescente pressione sulla forza lavoro causata dal sistema capitalista.

Nel contesto del periodo della rivoluzione post-industriale, i socialisti utopisti sostenevano una società giusta ed equa, dominata da forti valori morali, speranza, fede e felicità. Il socialismo utopistico cercò:

Eliminazione delle disuguaglianze;

Equilibrio tra lavoro, istruzione e vita privata;

  • Eliminazione di governanti egoisti e dispotici;
  • Proprietà comune;
  • Armonia all'interno della società;
  • Eliminazione della lotta tra classi;
  • Governance equa e giusta;
  • Primato dei diritti collettivi sui diritti individuali;
  • Pari opportunità per tutti gli uomini; e
  • Uguale godimento e ridistribuzione della ricchezza e delle risorse.
  • Sebbene gli ideali appena citati siano stati adottati dall'intero movimento socialista, il socialismo utopico e marxista credeva in diversi mezzi di trasformazione sociale.In realtà, i socialisti utopisti avevano la convinzione idealistica che le società potessero organizzarsi attraverso un uso migliore del dibattito pubblico e del consenso mentre il marxismo era basato su un approccio scientifico.
  • Il padre del socialismo utopistico moderno fu lo scrittore e filosofo inglese Thomas Moore (1478-1535) che, con il suo romanzo "Utopia" del 1516, introdusse l'idea di una società perfetta e uno stato tollerante basato sulle libertà individuali e collettive, tolleranza, vita comunitaria e istruzione e assistenza sanitaria gratuite. Nel suo libro molto influente, Moore rielaborò il concetto di "utopia" e paragonò la lotta della vita nell'Inghilterra moderna (sotto il controllo di re Enrico VIII) alla vita idilliaca in un'isola greca immaginaria in cui le strutture sociali erano più semplici.

Gli ideali di Moore furono ulteriormente elaborati e praticamente implementati nel 19

th

secolo dall'uomo d'affari Robert Owen e dal filosofo Jeremy Bentham. Infatti, il proprietario della fabbrica Robert Owen ha implementato il modello utopico per migliorare le condizioni di lavoro e la vita dei suoi dipendenti. Con l'aiuto e il supporto di Bentham, Owen ha introdotto un nuovo sistema di lavoro, che includeva lavoro distribuito, meno ore di lavoro e maggiori benefici. Sebbene il progetto sia collassato alcuni anni dopo, il modello creato da Owen e Bentham ha spianato la strada ai futuri movimenti socialisti utopici. Marxismo [3]

Il marxismo fu sviluppato nel 19 th

secolo da Karl Marx e Friederich Engels e costituisce la base del comunismo. Secondo la prospettiva marxista, il capitalismo era la radice di tutte le ingiustizie e della lotta di classe. Come tale, l'attuale struttura di classe doveva essere rovesciata con forza - o con quella che chiamava la rivoluzione del proletariato - e doveva essere sostituita con una migliore struttura sociale. Marx basava la sua ideologia e analisi della realtà su tre teorie principali: La teoria dell'alienazione;

La visione materialista della storia; e

  • La teoria del valore del lavoro.
  • Nella sua prospettiva, il sistema capitalista aliena i lavoratori e crea le pre-condizioni per l'infelicità e la disuguaglianza. In una società capitalista, i lavoratori sono di proprietà della capitale (e del capitalista) mentre non possiedono i mezzi né il risultato del loro lavoro. Di conseguenza, i lavoratori sono alienati da:
  • La loro attività produttiva - non decidono cosa fare e come farlo;

Il prodotto del loro lavoro;

  • Altri esseri umani (altri lavoratori); e
  • Il potenziale per creatività e comunità.
  • Poiché, secondo Marx, ogni classe è definita dal suo rapporto con il processo di produzione, l'unico modo per cambiare la struttura sociale è una rivoluzione avviata dai lavoratori (il proletariato). Il risultato della rivoluzione sarebbe una società socialista basata su una pianificazione democratica in cui la produzione sarebbe finalizzata a servire i bisogni sociali piuttosto che a massimizzare il profitto individuale. L'obiettivo finale sarebbe la completa abolizione dell'alienazione - in altre parole, il comunismo.
  • Differenza tra socialismo utopico e marxismo

[4]

Tutti gli ideali socialisti sostengono una società "utopica" basata sull'uguaglianza, sulla condivisione, su forti valori morali e sull'equilibrio.Tuttavia, il socialismo utopico e il marxismo credono nell'uso di diversi mezzi per raggiungere l'obiettivo comune. La distinzione tra socialismo utopico e marxismo (chiamato anche socialismo scientifico) è stata analizzata da Friederich Engels nel suo libro "Socialismo: utopico e scientifico" del 1892. "[5] Nella prospettiva di Engels, i socialisti utopisti sostenevano la trasformazione sociale senza riconoscere la necessità di una rivoluzione politica. Al contrario, la lotta di classe e le rivoluzioni sono state la causa del cambiamento nella visione dei socialisti scientifici. Il marxismo si basa su una visione materialistica della storia, mentre il socialismo utopistico proponeva modi non realistici e pratici per creare una società socialista;

Il marxismo credeva che la rivoluzione fosse necessaria per ottenere un cambiamento strutturale mentre il socialismo utopico - sotto l'influenza delle idee materialiste francesi - credeva che la società potesse essere cambiata attraverso la rieducazione dei suoi membri;

  • Il problema principale della prospettiva utopica è il fatto che i pensatori utopici credevano che il capitalismo fosse la radice della corruzione e della miseria della società, ma non proponevano alcuna via d'uscita praticabile. Dal loro punto di vista, gli uomini erano il prodotto dell'ambiente e le condizioni in cui venivano allevati e dove vivevano. In una società capitalista, gli uomini erano esposti all'avidità, all'avarizia e all'arroganza, condizioni che non erano conformi alla natura umana. Queste condizioni potevano essere modificate solo se tutti i membri della società si rendevano conto di essere corrotti. Tuttavia, la rieducazione dei cittadini era possibile solo se le condizioni cambiassero, poiché erano le determinanti del carattere e dei valori morali delle persone.
  • In altre parole, per cambiare i valori morali, le condizioni dovevano essere cambiate. Eppure, allo stesso tempo, per cambiare le condizioni, i valori morali dovevano essere cambiati. I socialisti utopisti erano intrappolati in un circolo vizioso.

Pertanto, la principale differenza tra marxismo e socialismo utopico è che la prima teoria era radicata in una comprensione materialista della storia, che sosteneva la rivoluzione (e il comunismo) come l'inevitabile conseguenza e la progressione delle società capitaliste mentre il secondo sosteneva una società egualitaria e giusta, ma non ha fornito alcuna tabella di marcia su come raggiungerla.

Sommario

Il socialismo è una teoria politica, economica e sociale che promuove la proprietà collettiva della ricchezza, i diritti buoni e collettivi sul profitto individuale, sulla proprietà e sui diritti individuali. All'interno della prospettiva socialista, possiamo distinguere tra socialismo utopico e socialismo scientifico (o marxismo). Mentre entrambi credono che il capitalismo corrompa la società e gli individui, essi propongono diversi mezzi per cambiare la struttura sociale e raggiungere una società socialista.

Il marxismo ha una prospettiva materialista della storia e crede che la società possa essere cambiata solo attraverso la rivoluzione mentre i socialisti utopisti sono bloccati in un circolo vizioso;

Il marxismo crede che il comunismo sia il naturale progresso di una società capitalista mentre il socialismo utopistico non fornisce alcuna via percorribile;

  • Il marxismo abbraccia la lotta di classe e la rivoluzione violenta mentre il socialismo utopico crede che il cambiamento sociale possa essere raggiunto attraverso un dialogo pacifico e democratico tra pari;
  • Il socialismo utopico sostiene che la morale e le condizioni esterne sono strettamente interconnesse mentre il marxismo propone un approccio più materialistico;
  • Il socialismo utopico sostiene che gli uomini sono corrotti dal sistema capitalista mentre il marxismo crede che i lavoratori siano alienati dalla capitale e dal sistema capitalista; e
  • Il socialismo utopico sostiene che, affinché il cambiamento sia possibile, i valori morali e le condizioni esterne devono cambiare mentre il marxismo crede che la rivoluzione e il socialismo siano l'inevitabile progresso della società capitalista.