Differenza tra classica e keynesiana

La classica e la keynesiana

pensiero che sono diversi negli approcci alla definizione dell'economia. L'economia classica è stata fondata dal famoso economista Adam Smith e l'economia Keynesiana è stata fondata dall'economista John Maynard Keynes. Le due scuole di pensiero economico sono legate tra loro in quanto rispettano la necessità di un mercato libero per assegnare risorse efficienti. Tuttavia, i due sono molto diversi l'uno dall'altro, e il seguente articolo fornisce una descrizione chiara di ciò che ogni scuola di pensiero è e come si differenziano l'uno dall'altro.

Che cos'è l'economia classica?

La teoria economica classica è la convinzione che un'economia auto-regolatrice sia la più efficace ed efficace in quanto, in base alle necessità, le persone si adattano a soddisfare le esigenze degli altri. Secondo la teoria economica classica non vi è alcun intervento governativo e il popolo dell'economia assegnerà le risorse spaventose nel modo più efficiente per soddisfare le esigenze degli individui e delle imprese.

I prezzi in un'economia classica sono decisi sulla base delle materie prime utilizzate per produrre, pagare, l'elettricità e altre spese che sono andate a produrre un prodotto finito. Nell'economia classica, la spesa pubblica è minima, mentre la spesa per beni e servizi da parte del pubblico e degli investimenti aziendali è considerata come la più importante per stimolare l'attività economica.

Che cosa è l'economia keynesiana?

L'economia keynesiana afferma che l'intervento governativo è essenziale per un'economia di successo. L'economia Keynesiana ritiene che l'attività economica sia influenzata pesantemente da decisioni prese sia dal settore privato che dal settore pubblico. L'economia keynesiana pone le spese pubbliche più importanti per stimolare l'attività economica, tanto che anche se non esiste alcuna spesa pubblica su beni e servizi o investimenti aziendali, la teoria afferma che la spesa pubblica dovrebbe essere in grado di stimolare la crescita economica.

Qual è la differenza tra Economia Classica e Economia Keynesiana?

Nella teoria economica classica, viene presa una prospettiva a lungo termine in cui l'inflazione, la disoccupazione, la regolamentazione, l'imposta e altri possibili effetti sono considerati quando si creano politiche economiche. L'economia keynesiana, d'altra parte, richiede una prospettiva a breve termine per portare risultati immediati in tempi di difficoltà economiche. Uno dei motivi per cui la spesa pubblica è così importante nell'economia keynesiana è che viene trattata come una soluzione rapida a una situazione che non può essere immediatamente corretto dalla spesa del consumatore o dagli investimenti da parte delle imprese.

L'economia classica e l'economia keynesiana prendono approcci molto diversi a diversi scenari economici. Facendo un esempio, se un paese sta attraversando una recessione economica, l'economia classica afferma che i salari diminuiranno, la spesa del consumatore diminuirà e gli investimenti aziendali ridurrebbero. Tuttavia, nell'economia keynesiana, l'intervento governativo dovrebbe incitere e stimolare l'economia aumentando gli acquisti, creando domanda di beni e migliorando i prezzi.

Sommario:

Classico vs Keynesian Economics

• L'economia classica e l'economia keynesiana sono entrambe le scuole di pensiero che sono diverse negli approcci alla definizione dell'economia. L'economia classica è stata fondata dal famoso economista Adam Smith e l'economia Keynesiana è stata fondata dall'economista John Maynard Keynes.

La teoria economica classica è la convinzione che un'economia auto-regolatrice sia la più efficiente ed efficace perché, in base alle necessità, le persone si adattano a soddisfare le esigenze degli altri.

• L'economia keynesiana afferma che l'intervento governativo è essenziale per un'economia di successo.