Differenza tra futures e opzioni

Futures vs Options

Opzioni e futures sono contratti derivati ​​che consentono all'operatore di scambiare l'attività sottostante e di ottenere benefici dai cambiamenti dei prezzi del valore del bene sottostante. Le opzioni e contratti futures sono utilizzati per la copertura, in cui tali contratti possono essere esercitati per ridurre il rischio associato ai movimenti di prezzo di un'attività. Opzioni e contratti futures sono entrambi altrettanto importanti per qualsiasi commerciante e il loro utilizzo dipenderà dallo scopo per cui sono richiesti. Il seguente articolo spiega chiaramente i due e fornisce una chiara distinzione tra loro.

Che cos'è un contratto di opzioni?

Un contratto opzioni è un contratto che viene venduto dallo scrittore di opzione al titolare dell'opzione. Il contratto prevede al commerciante il diritto e non l'obbligo di acquistare o vendere un'attività sottostante per un determinato prezzo durante un determinato periodo di tempo.

Esistono due tipi di opzioni; un'opzione call che dà la possibilità di acquistare a un prezzo specifico e un'opzione put, che dà la possibilità di vendere ad un prezzo specifico. Un acquirente di un'opzione vuole che il prezzo dell'attività venga aumentato in modo che il commerciante potrà esercitare la sua opzione e acquistare a un prezzo inferiore al momento.

Ad esempio, un'attività X è valutata a $ 10 e l'acquirente opzione acquista una delle opzioni per acquistare l'attività a $ 8. Se il prezzo del bene aumenta a $ 12, il commerciante può esercitare la sua opzione e acquistare l'attività ad un prezzo inferiore di $ 8. Un venditore di un'opzione, d'altra parte, vorrebbe che il prezzo aumentasse in modo che egli possa esercitare l'opzione e vendere ad un prezzo più elevato.

Che cos'è un contratto futures?

I contratti futures sono contratti standardizzati che elencano un'attività specifica da scambiarsi in una determinata data o ora a un prezzo specificato. L'esercizio di un contratto a termine è un obbligo e non un diritto. La natura standardizzata dei contratti futures consente loro di essere negoziati in borsa su uno scambio finanziario denominato "mercato dei cambi futures".

I contratti futures operano attraverso le case di compensazione che garantiscono la transazione e, quindi, assicura che l'acquirente del contratto non sarà di default. La liquidazione di un contratto a termine avviene quotidianamente, in cui le variazioni di prezzo sono regolate su base giornaliera fino a quando il contratto scade (denominato marcato a mercato).

I contratti futures sono di solito usati per scopi di speculazione, dove uno speculatore si scommette sul movimento del prezzo dell'attività e guadagna il profitto in base all'accuratezza del giudizio.

Qual è la differenza tra i Contratti Futures e Opzioni?

La principale differenza tra questi due contratti è che il contratto di opzione dà al commerciante un'opzione su se vuole usarla, mentre il contratto futures è un obbligo che non dà al commerciante una scelta.

Un contratto a termine non comporta un costo aggiuntivo, mentre un contratto di opzioni richiede il pagamento di un costo aggiuntivo denominato premio. Se il contratto di opzioni non è esercitato, l'unica perdita sarà il costo del premio.

Riepilogo:

Futures vs Opzioni

  • Opzioni e future sono entrambi contratti derivati ​​che consentono al commerciante di scambiare l'attività sottostante e di ottenere benefici da variazioni di prezzo del valore del sottostante
  • è un contratto che viene venduto dallo scrittore di opzioni al titolare dell'opzione. Il contratto prevede al commerciante il diritto e non l'obbligo di acquistare o vendere un'attività sottostante per un determinato prezzo durante un periodo di tempo specificato
  • I contratti futures sono contratti standardizzati che elencano una specifica attività da scambiarsi in una determinata data o il tempo ad un prezzo specificato. L'esercizio di un contratto a termine è un obbligo e non un diritto
  • La principale differenza tra questi due contratti è che il contratto di opzioni dà al commerciante un'opzione su se vuole usarla, mentre il contratto a termine è un obbligo che non dà al commerciante una scelta.