Differenza tra piante vascolari e non vascolari

Le piante del Regno sono classificate di solito sulla base di due fattori. Il primo è Fioritura, e il secondo è Vasculature . Le piante non fiorite sono le Cryptogams (Thallophytes, Bryophytes e Pteridophytes) e le piante da fiore sono le Fanerogame (Gimnosperme e Angiosperme). Sulla base di quest'ultimo fattore, le piante possono essere suddivise in Piante non vascolari e Vascolari .

Le piante che consistono in tessuti tubulari separati come Xylem e Phloem per trasportare cibo, minerali e acqua sono chiamate piante vascolari e quelle che non mostrano questo tipo di differenziazione del tessuto sono chiamate le piante non vascolari. Sebbene i loro cicli di vita siano divisi tra generazioni gametofitiche e sporofitiche, questi due gruppi di piante sono diversi sotto molti aspetti. Le seguenti sono alcune delle differenze tra piante vascolari e non vascolari.

Habitat: Le piante non vascolari richiedono acqua per completare il loro ciclo vitale e, quindi, richiedono ambienti umidi, ombreggiati e umidi per la sopravvivenza. Queste piante non possono controllare il contenuto di acqua nelle loro cellule e nei loro tessuti e inoltre non possono vivere in un habitat che è scarso in acqua. Tuttavia, come adattamento a questa deficienza, le piante non vascolari sono poiilidrico, i. e. , possono resistere alla disidratazione e possono recuperare senza danni ai tessuti.

Le piante vascolari, d'altra parte, possono sopravvivere in un'ampia varietà di habitat e possono controllare i livelli d'acqua nei loro tessuti (omoiohydry). La loro capacità di tollerare la disidratazione è piuttosto bassa rispetto alle loro controparti.

Ciclo di vita: Mentre lo sporofilo diploide è una fase dominante nelle piante vascolari, la fase gametofitica aploide è più prominente nelle piante non vascolari.

Morfologia: Le piante vascolari sono piante alte. La presenza di tessuti lignificati specializzati per il trasporto di alimenti (Phloem) e acqua (Xylem) facilita il loro trasporto a una distanza maggiore. Tuttavia, le piante non vascolari sono considerevolmente piccole; la mancanza di vascolarizzazione rende la breve durata più favorevole alla loro sopravvivenza.

Anatomia : La divisione del travaglio è una caratteristica importante e più pronunciata delle piante vascolari. La disposizione del tessuto vascolare in queste piante è complessa e talvolta caratteristica per alcune famiglie di piante. Le piante non vascolari sono molto più semplici nella loro disposizione cellulare.

  • Foglie : le piante non vascolari non hanno foglie vere. Le strutture fotosintetiche a foglia sono mere superfici piatte contenenti clorofilla contenenti un singolo strato di cellule. Il cibo fotosintetico in queste strutture fogliari viene inviato direttamente da una cellula all'altra.Questo meccanismo di trasporto non è abbastanza competente per trasportare il cibo ai tessuti molto lontano. Le piante vascolari hanno una struttura fogliare complessa. Sono multistrato e contengono diversi tipi di celle con funzioni diverse. Questi sono rivestiti con uno strato ceroso chiamato cuticola, che previene la dissecazione. Stomi nell'epidermide (lo strato più esterno delle cellule delle foglie) controllano la traspirazione. All'interno del parenchima contenente clorofilla, il tessuto vascolare, che trasporta il cibo sintetizzato dalle foglie alle altre parti, è incorporato.
  • Stelo : il vero gambo è assente nelle piante non vascolari. D'altra parte, il gambo tra le piante vascolari è multistrato. Lo strato più esterno aiuta nella protezione, nello scambio di gas e talvolta nella fotosintesi nelle piante più giovani. Tuttavia, nelle piante legnose, lo strato più esterno è la corteccia, e la maggior parte è costituita da tessuto non vivo. Lo strato sottostante è costituito da parenchima. Il tessuto più interno è il tessuto vascolare, che, insieme a facilitare il trasporto di cibo, fornisce supporto scheletrico.
  • Radice : le radici in piante non vascolari sono semplici filamenti unicellulari o pluricellulari che ancorano il corpo della pianta al terreno. Il sistema radicale nelle piante vascolari è complesso come il tronco e più o meno strutturalmente simile allo stelo.

Il tessuto vascolare, chiamato anche stele, mostra diversi tipi di disposizioni nelle radici e nei gambi di queste piante. Le piante vascolari inferiori hanno una protostella (tipi: haplostele, actinostele, plettostele), mentre quelle superiori hanno un siphonostele (tipi: solenostele, dictyostele ed eustele). Quest'ultimo mostra la presenza di parenchima all'interno di uno strato di xilema, mentre la presenza di xilema come tessuto più interno è una caratteristica del protostele.